Eonycteris major

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pipistrello mattutino maggiore
Immagine di Eonycteris major mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Eonycteris
Specie E. major
Nomenclatura binomiale
Eonycteris major
Andersen, 1910

Il Pipistrello mattutino maggiore (Eonycteris major Andersen, 1910) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico del Borneo[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di medie dimensioni con lunghezza dell'avambraccio tra 81 e 86 mm, la lunghezza della testa e del corpo tra 143 e 145 mm, la lunghezza della coda tra 16 e 28 mm e un peso fino a 95 g.[3]
Il colore del dorso è marrone scuro, più scuro sulla testa. Le parti ventrali sono marrone chiaro. Le orecchie sono lunghe ed appuntite. È privo delle ghiandole anali, presenti invece nelle specie affini. Le membrane alari sono attaccate all'estremità dei metatarsi tra il primo e secondo dito.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Vive nelle grotte calcaree, vicino a giardini comprendenti alberi di Banano.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nel Borneo. Gli esemplari dell'Isola di Pagai del nord, assegnati precedentemente a questa specie, potrebbero invece appartenere una sottospecie più grande di E.spelaea.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato che la specie è stata catturata raramente e sono scarse le conoscenze sul proprio habitat e stile di vita, classifica E.major come specie con dati insufficienti (DD).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Bates, P., Bumrungsri, S., Francis, C., Gumal, M. & Sinaga, U. 2008, Eonycteris major in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Eonycteris major in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Payne & Francis, 1985, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi