Enrico Giannetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Enrico Giannetto (Messina, 6 novembre 1958) è un fisico, filosofo, nonché storico della scienza e del cristianesimo italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Enrico Giannetto si è laureato in fisica teorica delle particelle elementari[senza fonte] nel 1982 presso l'Università degli Studi di Padova, si è specializzato in cosmologia dell'early universe alla SISSA di Trieste e in storia della scienza alla Domus Galilaeana di Pisa, e si è poi addottorato in Struttura della Materia presso l'Università degli Studi di Messina. Dal 1991 al 2001 è stato ricercatore di fisica presso il Dipartimento di Fisica "A. Volta" della Facoltà di Scienze dell'Università degli studi di Pavia, dove ha insegnato fra l'altro Storia della fisica e Fisica generale. Dal 2001 è diventato professore ordinario di Storia della Fisica ed è poi passato alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bergamo, dove, dal 2016, ricopre anche la carica di direttore di Dipartimento. È stato docente di storia della scienza e della tecnica, storia della fisica moderna, ermeneutica filosofica, filosofia teoretica, storia della psicologia clinica; attualmente insegna storia del pensiero scientifico e filosofia contemporanea, dirige inoltre la Scuola di Dottorato in Antropologia ed Epistemologia della Complessità, ricoprendo anche la carica di direttore del Centro di Ricerca sulla Complessità (CE.R.CO.) dell'Università degli Studi di Bergamo e quella di Presidente della SISFA[1] (Società Italiana degli Storici della Fisica e dell'Astronomia). All'attività di fisico, Giannetto ha affiancato presto quella di storico della scienza e quella filosofica - è stato anche redattore della rivista online di critica antispecista Liberazioni.org. Ha pubblicato numerosi testi di filosofia teoretica come Un fisico delle origini. Heidegger, la scienza e la Natura, Donzelli 2010, e l'ultimo Note per una metamorfosi, Ortica, 2011[2]. Ha pubblicato le sue ricerche sulle più prestigiose riviste di settore[3].

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Giannetto ha diviso i suoi interessi tra la ricerca in fisica teorica delle particelle elementari (nel 1986 fu con altri fra i primi proponenti di una teoria dei neutrini muonici superluminali: E. Giannetto et al., Are Muon-Neutrinos Faster-Than-Light Particles?, Phys. Lett. B 178 (1986) 115-120), e in storia critica della conoscenza fisica con particolare riferimento all'epoca medievale, ai lavori editi ed inediti di Ettore Majorana[4] e in generale al periodo della fisica del Novecento. I suoi interessi si sono poi diretti verso le tematiche del cambiamento scientifico e delle relazioni storiche tra scienza, filosofia, teologia, etica e politica.I suoi lavori spaziano così dalla cromodinamica quantistica alla cosmologia, dalla logica matematica all'epistemologia, dalla storia della scienza alla storia del Cristianesimo, dallo studio dei miti alla filosofia teoretica. Giannetto ha compiuto anche rilevanti ricerche sull'utilizzazione della storia della fisica per la didattica[5]. Ha lavorato inoltre sulla portata epistemologica della fisica e specialmente della fisica quantistica e relativistica come determinanti il crollo definitivo della metafisica occidentale.

Si è distinto dapprima come studioso di fisica teorica e di storia della scienza - in particolare per la valorizzazione dell'opera di Giordano Bruno

(La relatività del moto e del tempo in Giordano Bruno, in Physis XXXVIII (2001) 305-336; Giordano Bruno, in New Dictionary of Scientific Biographies I-VIII, a cura di N. Koertge, Thomson Gale, Detroit 2008, vol. I, pp. 423-425) e di Henri Poincaré in relazione all'origine della teoria della relatività (Henri Poincaré and the rise of special relativity, in Hadronic Journal Supplement 10 (1995), 365-433; [6] e della fisica quantistica (Poincaré's Electromagnetic Quantum Mechanics, in Max-Planck-Institut für Wissenschaftsgeschichte Preprint n. 350, vol. I, Berlin 2008, pp. 53-66. [7])- e poi di filosofia teoretica, pubblicando un importante volume su Heidegger ed il pensiero scientifico[8][9]. Nel 2006 ha curato per le edizioni Medusa di Milano la prima traduzione italiana direttamente dal copto del Vangelo di Giuda, evidenziando per primo le forzature ideologiche della prima edizione mondiale in lingua inglese e delineando insieme una nuova immagine del Cristianesimo originario. L'esito della sua prospettiva di pensiero è quello di una fisica indeterministica e di una filosofia negativa che si realizzano nel lasciare spazio a una rivelazione della Natura e in una prassi etica di rispetto e di cura di tutti gli esseri viventi, che accerta quale caratteristica originaria del Cristianesimo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • La fisica e i suoi strumenti, Università di Catania Edizioni, 1996
  • Science Education and Culture Conference.The Contribution of History and Philosophy of Science, (con F. Bevilacqua), Kluwer Dordrecht , 2001
  • Volta and the History of Electricity, Hoepli, 2003
  • Saggi di storie del pensiero scientifico, Bergamo University Press, 2005
  • Il Vangelo di Giuda, Medusa, 2006
  • Un fisico delle origini. Heidegger, la scienza e la Natura, Donzelli, 2010
  • Representing Light across Arts and Sciences: Theories and Practices, E. Agazzi, E. Giannetto & F. Giudice (eds.), V&R unipress, Goettingen 2010
  • Note per una metamorfosi, Ortica, 2011.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SISFA - Membri della società
  2. ^ Testo recensito da L. Caffo sul quotidiano "Liberazione" del 24/03/2011: http://liberazioni.org/contributi/Garibaldi%20animalista_Liberazione-24.03.11.pdf[collegamento interrotto]
  3. ^ Impact della ricerca di Giannetto su Google Scholar: https://scholar.google.it/scholar?q=enrico+giannetto&hl=it&btnG=Cerca&lr=
  4. ^ Voce per l'enciclopedia Treccani su Majorana a cura di Giannetto: http://www.treccani.it/enciclopedia/ettore-majorana/
  5. ^ Articolo di Giannetto su "Science & Education" su educazione e storia della scienza http://www.springerlink.com/content/rtv2732905553204/
  6. ^ gianetto (PDF) [collegamento interrotto], su brera.unimi.it.
  7. ^ gianetto (PDF), su quantum-history.mpiwg-berlin.mpg.de.
  8. ^ Intervento di Giannetto su Heidegger e la Scienza per Radio 3: http://www.radio3.rai.it/dl/radio3/programmi/puntata/ContentItem-e0799939-8de0-4b44-95cc-38d63db83bb5.html
  9. ^ Studi compiuti anche in lingua inglese per l'editore Springer: http://books.google.it/books?hl=it&lr=&id=25gKTcgcmqcC&oi=fnd&pg=PA207&dq=enrico+giannetto&ots=zZ-AyVJ_4u&sig=z8LlhhXRyuJPjRpErEVJvArnK3E#v=onepage&q=enrico%20giannetto&f=false

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN20001871 · ISNI (EN0000 0001 1947 3826 · LCCN (ENn2001008210 · BNF (FRcb15596017r (data) · WorldCat Identities (ENn2001-008210