Endonevrio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Endonevrio
Gray636.png
Sezione trasversale del nervo tibiale umano.
Illu nerve structure.jpg
La struttura di un nervo
Anatomia del Gray Pagina 728
Nome latino Endoneurium
Identificatori
MeSH Endoneurium
A08.800.800
TA A14.2.00.014
FMA 52586

Il termine endonevrio si riferisce ad un sottile strato di tessuto connettivo che racchiude una fibra nervosa (guaina mielinica + assone del neurone).[1]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La sostanza fondamentale è costituita da sottili fasci di fibre tipiche del connettivo lasso che presenta anche fibre reticolari di collagene, prodotte dalle sottostanti cellule di Schwann. È in continuità con i setti che si approfondano dallo strato più intimo del perinevrio. In prossimità della terminazione dell'assone della fibra nervosa l'endonevrio si riduce sino a poche fibre reticolari disposte attorno alla lamina basale delle cellule di Schwann.

Localizzato principalmente nei nervi del sistema nervoso periferico, l'endonevrio è situato anche nella regione periferica della zona di transizione del nervo vestibolococleare.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elaine N. Marieb and Katja Hoehn, Human Anatomy & Physiology (7th Ed.), Pearson, 2007, pp. 498–9, ISBN 0-8053-5909-5.
  2. ^ Fraher JP, The transitional zone and CNS regeneration, in J. Anat., 196 (Pt 1), 2000, pp. 137–58, PMID 10697296.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]