Emilio Molinari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emilio Molinari
Emilio Molinari datisenato.jpg

Europarlamentare
Durata mandato 1984 –
1985
Legislature II
Gruppo
parlamentare
Gruppo Arcobaleno
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato 1992 –
1994
Legislature XI
Gruppo
parlamentare
Federazione dei Verdi-La Rete
Circoscrizione Lombardia
Collegio Milano V

Dati generali
Partito politico Democrazia Proletaria
Federazione dei Verdi

Emilio Molinari (Milano, 12 novembre 1939) è un politico italiano, esponente di Democrazia Proletaria e parlamentare europeo e poi esponente della Federazione dei Verdi e senatore della Repubblica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fin da giovane è militante di Avanguardia Operaia, nel 1978 confluisce in Democrazia Proletaria, con cui nel 1980 viene eletto consigliere regionale in Lombardia.

Alle elezioni europee del 1984 è eletto all'europarlamento, nel quale è stato membro della Commissione per l'energia, la ricerca e la tecnologia e della Delegazione per le relazioni con il Giappone. Dopo poco più di un anno, nel settembre 1985, si dimette (lasciando il seggio ad Alberto Tridente), poiché era stato rieletto consigliere regionale in Lombardia.

Nel 1989 lascia DP per aderire ai Verdi Arcobaleno, che a dicembre 1990 confluiranno nella Federazione dei Verdi

È stato eletto senatore per la Lombardia nel 1992 per le liste dei Verdi. Al senato è stato membro della Commissione per la giustizia, gli affari esteri e il lavoro e la previdenza sociale.

Molto sensibile sul tema dell'acqua pubblica, nel 2010 ha scritto il libro Salvare l'acqua edito da Feltrinelli assieme a Claudio Jampaglia. Ha poi sostenuto attivamente il SI al referendum del 2011 contro la privatizzazione dei servizi idrici.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5920665 · ISNI (EN0000 0000 8353 4913 · SBN TO0V642222 · LCCN (ENno2010173989 · WorldCat Identities (ENlccn-no2010173989