Emilio Bignami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Emilio Bignami (Milano, 28 luglio 1829Dongo, 30 settembre 1910) è stato un patriota, scrittore e ingegnere italiano. Partecipò alle cinque giornate di Milano e fondò nel 1850 con Carlo Tenca Il Crepuscolo, un settimanale risorgimentale importante nella Milano preunitaria.

Dopo essersi adoperato personalmente, durante le guerre risorgimentali, per la causa italiana, dal 1862 entrò a lavorare nell'ufficio tecnico del comune, dirigendo il reparto acque e giardini, raggiungendo, attorno al 1885, il grado di capo divisione e lavorando durante la sua carriera ad importanti progetti infrastrutturali per l'evacuazione dei rifiuti e delle acque nere nella metropoli lombarda.

Tra i suoi scritti: I canali nella città di Milano. Considerazioni e proposte (1866), La pulizia stradale delle città. Note comunicate al primo Congresso degli ingegneri ed architetti italiani (1875), Le proposte per la fossa interna di Milano (1875), L'igiene delle città (1879), Lo spazzamento della neve nella città di Milano (1880), Il fiume Lambro meridionale. Notizie e studii (1889).

Alpinista e socio del Club Alpino Italiano[1] pubblicò nel 1892 nell'edizioni Hoepli, insieme con Carlo Scolari, la prima parte del volume Dizionario alpino italiano. Nel 1987, nella collezione "Reprint antichi manuali Hoepli" ha visto la luce una ristampa anastatica dell'opera[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Cambia, Dizionario Biografico italiano, riferimenti in Fonti.
  2. ^ Milano, Cisalpino-Goliardica, 1987. ISBN 88-205-0574-6.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Cambia, «BIGNAMI, Emilio» in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 10, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1968.
  • Milano, Archivio Storico Civico, Personale, n.s., cart. 131;
  • Ibid., Strade, cart. 23, 24, 25, 27, 28; Ibid., Acque, cart. 32, 34, 37, 38;
  • Milano, Museo del Risorgimento, Archivio Tenca, cart. 8, plico II; Dongo, Arch. Comunale;
  • Ibid., Arch. dell'Arcipretura di S. Stefano;
  • Archivio storico lombardo, s. 5, XXXVII (1910), pp. 287 s.;
  • La Perseveranza, 2 ott. 1910;
  • A. De Gubernatis, Diz. biogr. degli scrittori contemporanei, Firenze 1879, pp. 152 ss.;
  • T. Massarani, Carlo Tenca e il pensiero civile del suo tempo, Milano 1887, pp. 241–242;
  • G. Visconti Venosta, Ricordi di gioventù: cose viste o sapute, Milano 1904, pp. 189, 192;
  • C. Pagani, Milano e la Lombardia nel 1859, Milano 1909, p. 282;
  • R. Barbieri, Il salotto della Contessa Maffei, Milano 1943, p. 138;
  • P. Mezzanotte-G. C. Bascavè, Milano nell'arte e nella storia, Milano 1948, p. 157;
  • L. Jannuzzi, "Il Crepuscolo" e la cultura lombarda (1850-1859), Pisa 1966, pp. 20, 35; Diz. del Ris. naz., II, pp. 294 s.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]