Elka de Levie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elka de Levie
Turnerinnen der niederländischen Goldriege von 1928.jpg
è seconda da destra la nella foto di gruppo delle Olimpiadi del 1928
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Ginnastica artistica Gymnastics (artistic) pictogram 2.svg
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Amsterdam 1928 Squadra
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Elka de Levie (Amsterdam, 21 novembre 1905Amsterdam, 12 dicembre 1979) è stata una ginnasta olandese di origine ebraica, unica superstite dell'Olocausto tra i componenti ebrei della squadra olimpica del 1928.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1928 Elka de Levie ha vinto la medaglia d'oro olimpica per l'Olanda nella gara a squadre di ginnastica. L'allenatore Gerrit Kleerekoper e cinque delle 12 atlete della squadra di ginnastica olandese erano di origine ebraica: Estella Agsteribbe, Helena Nordheim, Anna Polak, Elka de Levie, e Judikje Simons. De Levie fu l'unica a sopravvivere allo sterminio dell'Olocausto.

Sposata nel 1929 a Andries Abraham Boas, la coppia ebbe due figlie ma divorzio' nel 1943. De Levie e le figlie riuscirono a sfuggire alle deportazioni vivendo nascoste in clandestinita'. Morì il 12 dicembre 1979.

Nel 1997 de Levie è stata inserita insieme alle altre ragazze ebree della squadra, e all'allenatore Gerrit Kleerekoper, nell'International Jewish Sports Hall of Fame.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Elka de Levie, su sports-reference.com, Sports Reference LLC. Modifica su Wikidata
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie