Eliodoro Sollima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Quest'uomo ha un intimo che canta, che vuol cantare, in una terra i cui canti si spengono[1]»

(Danilo Dolci)

Antonino Eliodoro Sòllima (Marsala, 10 luglio 1926Palermo, 3 gennaio 2000) è stato un pianista, compositore e didatta italiano.

Biografia musicale[modifica | modifica wikitesto]

Trasferitosi per gli studi liceali a Palermo, sotto la guida di Maria Giacchino Cusenza conseguì, in cinque anni, il diploma di pianoforte e, l'anno successivo, quello di composizione, con Pietro Ferro.

Il suo perfezionamento pianistico proseguì all'Accademia Chigiana di Siena con Guido Agosti e ad Arezzo con Arturo Benedetti Michelangeli, che lo scelse per la prima esecuzione italiana del Kammerkonzert di Alban Berg, al Teatro Nuovo di Milano, nel maggio del 1954.

Nel 1965 con il violinista Salvatore Cicero e il violoncellista Giovanni Perriera ha costituito il Trio di Palermo, cui nel 1978 è stato assegnato il Diapason d'oro.

Ha suonato per Deutsche Rundfunk, Radio Scheweis e RAI.

Attività compositiva[modifica | modifica wikitesto]

Delle opere si ricordano Evoluzioni (per vari strumenti), Variazioni concertanti (premio "Città di Trieste"), il Concerto per archi, i Contrasti per pianoforte e orchestra, la Sonata per pianoforte (premio "Città di Treviso"), il Trio per pianoforte,violino e violoncello (scritto per la formazione del Trio di Palermo e dedicato a Cicero e Perriera), la radiofiaba Pimpinella, i Tre momenti della Passione sul Golgota, il Divertimento su canti popolari siciliani, la Trenodia (commissionata dall'Orchestra sinfonica siciliana e dedicata alle vittime del massacro di piazza Tien an men).

Le sue musiche sono state edite, tra gli altri, da Berben, Sonzogno, Curci, Schott.

Attività didattica[modifica | modifica wikitesto]

Docente di composizione al Conservatorio di musica di Palermo dal 1954 al 1991, ne fu direttore per diciotto anni. Tenne corsi di perfezionamento, di pianoforte e analisi e composizione, a Senigallia, a Trapani, a Palermo, in Polonia, a Saarbrücken.

Tra gli allievi il clarinettista Calogero Palermo e il violoncellista Giovanni Sollima, suo figlio.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Gli è stato di intitolato il Teatro comunale di Marsala, sua città natale, e un concorso pianistico (Città di Bagheria, premio "Eliodoro Sòllima"). Nel 2010 anche ad Enna gli è stato intitolato un concorso per solisti e formazioni cameristiche, destinato a giovani strumentisti dai 6 ai 25 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

È il padre di Giovanni Sollima, famoso violoncellista e compositore nato a Palermo il 21 ottobre del 1962.

Controllo di autoritàVIAF (EN74274555 · ISNI (EN0000 0000 4491 6820 · LCCN (ENno2006132747 · WorldCat Identities (ENno2006-132747