Elio Zagato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Elio Zagato (Milano, 27 febbraio 192114 settembre 2009) è stato un designer, imprenditore e pilota automobilistico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maserati A6G/54 2000 Spider Zagato del 1955 al museo Enzo Ferrari

Come suo fratello Gianni Zagato nato nel 1929, Elio Zagato entrò nell'azienda paterna di design Zagato a Milano e, alla morte del padre Ugo nel 1968, ne divenne il direttore.[1]

Corse e vinse alcune gare automobilistiche e fu uno dei fondatori della Scuderia Ambrosiana di Milano. Fra le altre gare, vinse la Targa Florio, cinque GT series, una Coppa Inter-Europa, la Golden Cup delle Dolomites e la Berlin Avus Cup nel 1955. Inoltre, fu campione italiano nella classe 750 GT per le stagioni 1951 e 1952, alla guida di special carrozzata Zagato ed elaborata da Giannini, su autotelaio Fiat Topolino.

Suo figlio Andrea Zagato è nel 2009 responsabile dell'azienda familiare, insieme alla moglie Marella Rivolta-Zagato, figlia di Piero Rivolta produttore d'auto Iso Rivolta.

La sua autobiografia Storie di corse e non solo è stata pubblicata nel 2002.

Alcuni modelli disegnati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN233249460 · SBN: IT\ICCU\TO0V\630604
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie