Edoardo Chiossone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edoardo Chiossone

Edoardo Chiossone (Arenzano, 1833Tokyo, 11 aprile 1898) è stato un professore di disegno ed un incisore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Banconota che rappresenta la leggendaria imperatrice Jingū

Chiossone nacque ad Arenzano, in provincia di Genova, nel 1833. Compì gli studi presso l'Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, diventando professore di disegno e incisione nel 1855. Già durante gli anni di studio mostrò fini doti artistiche.

Partito da Genova - la città che, a Villetta Dinegro, intitolerà al suo nome il Museo d'Arte Orientale - si impiegò dapprima a Firenze nella Banca Nazionale del Regno d'Italia ma successivamente si trasferì in Inghilterra e quindi in Germania, lavorando nelle industrie Donforf-Naumann di Francoforte sul Meno per cercare di perfezionare le tecniche di incisione e stampa dei valori.

Fu invitato come oyatoi gaikokujin a ricoprire il ruolo di direttore dell'Officina Carte e Valori del Ministero delle Finanze giapponese. Arrivò a Tokyo nel 1875 e prestò servizio sino al 1891. In Giappone incise più di 500 lastre di francobolli, banconote, titoli di stato e bolli di monopolio.

Lavorò anche per la Perdurante Fragranza della Gloria Nazionale, una monumentale rassegna curata e stampata dall'Insatsu Kyoku, edita tra il 1880 ed il 1883 in quattordici volumi. Suoi dipinti in quell'epoca avevano come soggetti l'imperatore Meiji e l'imperatrice Shōken, tuttora esposti nel Meiji Kinenkan di Tokyo, e altri personaggi come statisti, cortigiani, diplomatici, ministri e militari d'alto rango.

Edoardo Chiossone continuò comunque a risiedere in Giappone anche dopo il ritiro dall'attività pubblica nel 1891. Morì a Tokyo nel 1898, e fu sepolto nella sezione riservata agli stranieri del cimitero di Aoyama.

Ritratto a matita dell'imperatore Meiji eseguito da Chiossone

Il cugino, David Chiossone, nel 1868 ha fondato a Genova l'Istituto per i ciechi e ipovedenti che tutt'oggi esiste ed opera con numerosi tipi di attività al servizio della persona e dell'autonomia dei disabili visivi.

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni lavori di Edoardo Chiossone in Giappone:

Banconota da uno yen, del 1885

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lia Beretta, Edoardo Chiossone: tecnico e artista, in Atti del Convegno Internazionale di Studi "Italiani nel Giappone Meiji", Sapienza Università di Roma, 2000.
  • Donatella Failla, Edoardo Chiossone: un collezionista erudito nel Giappone Meiji, Catalog of Exhibition from July 1 - October 31, 1995 at the Museo d'arte orientale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN18024062 · LCCN: (ENn78043469 · ISNI: (EN0000 0001 1601 9177 · GND: (DE119093081 · BNF: (FRcb144715861 (data) · ULAN: (EN500122973