Edistudio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Edistudio Pisa
StatoItalia Italia
Fondazione1977 a Pisa
Fondata daBrunetto Casini
Sede principalePisa
SettoreEditoria
Sito web

La Edistudio è una casa editrice italiana fondata a Pisa nel 1977 da Brunetto Casini. Fin dalla sua nascita si è specializzata nella pubblicazione di libri in lingua esperanto, ed è divenuta rapidamente una delle più importanti case editrici del movimento esperantista.

Negli anni Edistudio ha pubblicato molti classici della letteratura esperantista, fra cui lavori originali di Ludwik Lejzer Zamenhof, William Auld, Tibor Sekelj, Spomenka Štimec, Kálmán Kalocsay, Gaston Waringhien, Marinko Ĝivoje, Roger Bernard, Daniela Deneva Power, Baldur Ragnarsson, Reto Rossetti, Raymond Schwartz, Nikola Raŝiĉ, Ulrich Lins, Aldo de' Giorgi, Bernard Golden, Poul Thorsen, Julius Balbin e Johan Valano.

Ha inoltre pubblicato traduzioni in esperanto di opere di William Shakespeare, Umberto Eco, Fulvio Tomizza, Dino Buzzati, Giovanni Verga, Rudyard Kipling, Vamba ad opera di Nicolino Rossi, Mauro Nervi, Carlo Minnaja, Daniele Mistretta, Probal Dasgupta e altri traduttori.

Fra le sue pubblicazioni sono da citare anche diverse musicassette (cantate da Gianfranco Molle, Giulio Cappa, Marcella Fasani, Ĵak Lepŭil', Amplifiki, Ĵomart kaj Nataŝa, Georg Handzlik) e CD (Gianfranco Molle, Giorgio Nissim).

Nel 2009 ha intrapreso anche la produzione del film in DVD "Doktoro Esperanto" di e con Mario Migliucci e di fumetti, con Lupo Alberto e Diabolik.

Dagli anni '90 ha aperto un settore dedicato al free press con i periodici Pisa informazioni, Lucca informazioni, TrovoCasa, La vetrina casa e, in parallelo nei primi anni 2000, siti e portali internet con gli stessi contenuti. Dal 2013 ha sviluppato un settore specifico centrato sulla presenza internet di annunci immobiliari.

Il progetto editoriale[modifica | modifica wikitesto]

La casa editrice si propone come obiettivi lo sviluppo e il rafforzamento della coscienza europea attraverso la diffusione dell'ideale e della cultura esperantista. Edistudio dedica inoltre una parte della sua attività a divulgare opere ispirate alla storia e alle tradizioni di Pisa, nell'intento di salvaguardarnee il patrimonio culturale e recuperarne così la dimensione cosmopolita e di "città aperta al mondo" che l'hanno distinta nei secoli.[1]

Principali collane[modifica | modifica wikitesto]

Edistudio è presente sul mercato editoriale attraverso un'ampia gamma di collane che propongono materiale inedito dei cultori dell'esperanto o ripropongono in nuova veste editoriale opere già note nel mondo esperantista. Vi sono poi una serie di progetti concepiti attorno ai classici della letteratura e del fumetto, di cui vengono realizzate le versioni esperante, mantenendo l'impostazione grafica e i contenuti dell'originale. La casa editrice di Brunetto Casini riserva inoltre un'attenzione particolare ai temi trattati dalla sociologia, indirizzando a questa disciplina, nella quale si riconosce il farsi del cammino civile e culturale dei popoli, una cospicua quantità di pubblicazioni. Si elencano di seguito le principali categorie che raccolgono le pubblicazioni di Edistudio:

  • Antologie: raccolte di testi e studi sulla letteratura australiana e italiana e sulle discipline economiche
  • Prosa: riproposta dei classici della letteratura in versione esperanta come Dino Buzzati, Rudyard Kipling, Franz Kafka, oltre a storie umoristiche e fiabe per bambini in lingua italiana
  • Poesia: da William Shakespeare a Giuseppe Ungaretti, passando per poeti esperantisti come Julius Balbin, William Auld, Baldur Ragnarsson
  • Didattica: corsi, lezioni, esercizi per l'apprendimento dell'esperanto
  • Fumetti: versioni esperante di alcuni classici del fumetto da Diabolik a Lupo Alberto; versioni illustrate di vicende storiche come il volumetto umoristico di Paolo Terreni, Nanni da Pisa ovvero le eroiche imprese di un nobile crociato, Pisa, 1982
  • Musica: canzonieri e cd sulla performance musicale in esperanto
  • Saggistica: vocabolari e manuali di esperanto; opere saggistiche dei grandi nomi della letteratura tradotte in esperanto; manuali e trattati di sociologia in italiano ed esperanto
  • Teatro: le opere dei grandi autori di teatro, quali Angelo Beolco, Carlo Goldoni, Jean Cocteau, tradotti in esperanto
  • Dvd: produzione di film, come il Doktoro Esperanto di Mario Migliucci
  • Riviste: riviste in esperanto, versioni in esperanto di monografie classiche come Multilinguismo e società di Bruno Migliorini, celebre linguista e filologo romanzo; riviste locali come Il Neroazzurro periodico di informazione sulla Società Pisa Calcio, la Guida al Giugno pisano, a cura di Paolo Terreni e Alberto Zampieri, Il Lanternino, diretta da Paolo Terreni.
  • Free press: Pisa informazioni, Lucca informazioni, TrovoCasa[2], La Vetrina Casa.

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito della casa editrice, su edistudio.it.
  2. ^ Collegata al portale immobiliare "www.trovocasa.net", su trovocasa.net., sempre della Edistudio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]