Eccidio di Civitella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eccidio di Civitella
Eccidio di Civitella.jpg
I cadaveri di alcune vittime al termine dell'eccidio
Tiporappresaglia
Data29 giugno 1944
LuogoCivitella in Val di Chiana, Cornia e San Pancrazio (quest'ultima località del comune di Bucine) (AR)
StatoItalia Italia
Obiettivopopolazione civile
Responsabilitruppe naziste
Motivazioneuccisione di 3 soldati tedeschi da parte di un gruppo partigiano
Conseguenze
Morti244[1]
Danniincendio e distruzione di gran parte degli edifici delle tre località

L'eccidio di Civitella fu una strage compiuta dalle truppe naziste il 29 giugno 1944 nelle località di Civitella in Val di Chiana, Cornia e San Pancrazio di Bucine, in provincia di Arezzo, che cagionò l'uccisione di 244 civili.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

La conformazione montuosa e la presenza di fitti boschi nel territorio circostante il centro abitato di Civitella in Val di Chiana, in provincia di Arezzo, avevano contribuito, all'indomani dell'occupazione tedesca dell'Italia, alla nascita di diversi gruppi partigiani. In Civitella si era di conseguenza installato un comando tedesco, la Divisione "Hermann Göring", agli ordini del tenente generale Wilhelm Schmalz, la quale ripetutamente venne a trovarsi in scontri a fuoco con i partigiani.

Il 18 giugno 1944 quattro giovani soldati tedeschi entrarono nel circolo ricreativo di Civitella per bere un bicchiere di vino, al fine di ristorarsi dal caldo dell'incombente estate. Poco tempo dopo entrarono anche alcuni partigiani, che cercavano di impossessarsi delle armi dei tedeschi. Intimarono il "mani in alto", ma un soldato tedesco reagì costringendo i partigiani a sparare. Due soldati tedeschi furono subito uccisi, mentre un terzo, gravemente ferito, spirò poche ore dopo.

I giorni successivi, il comando tedesco impose alla popolazione locale di fare i nomi dei colpevoli. Gli occupanti lanciarono un ultimatum, scaduto il quale sarebbe stata operata una rappresaglia tra i civili per vendicare i 3 soldati morti. Contemporaneamente i tedeschi avviarono perquisizioni nelle case di Civitella e delle due frazioni più vicine, Cornia e San Pancrazio (quest'ultima nel comune di Bucine), ritenute ospitanti diversi partigiani, in quanto circondate dai boschi e non facilmente raggiungibili. Nessun civile osò collaborare con i tedeschi e, anzi, furono in molti a lasciare le case, temendo la rappresaglia.

Scaduto l'ultimatum, a sorpresa i tedeschi non fecero nulla. Il tenente generale Schmalz assicurò che non sarebbe stata operata alcuna rappresaglia, facendo intendere che i numerosi partigiani caduti negli scontri con i tedeschi erano stati ritenuti sufficienti a vendicare i 3 militi uccisi il giorno prima. Come solo in seguito si potrà ricostruire, quella dei tedeschi era in realtà una trappola: furono infatti lasciati trascorrere giorni tranquilli, durante i quali molti civitellini fecero ritorno nelle proprie case.

L'eccidio[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Don Alcide Lazzeri a Civitella, tra i luoghi dell'eccidio

Al mattino del 29 giugno, in occasione della festività dei Santi Pietro e Paolo, il centro di Civitella era pieno di persone. Molti non si erano recati nelle campagne o nei boschi per lavorare, restando così a casa o andando a Messa. La Chiesa di Santa Maria Assunta, a Civitella, era colma di fedeli, giunti anche dalle altre frazioni del comune.

Improvvisamente dal comando tedesco partirono 3 squadroni: uno destinato a Cornia, l'altro a San Pancrazio e un terzo, il più grande, si riversò nel centro di Civitella. I tedeschi irruppero nelle case, aprendo il fuoco sugli abitanti a prescindere dal sesso o dall'età. L'episodio più truce si consumò nella chiesa, mentre si stava celebrando la Messa. Entrati nell'edificio sacro, i tedeschi divisero i fedeli in piccoli gruppi. Quindi, indossati grembiuli mimetici in gomma per non sporcarsi di sangue, li freddarono con dei colpi alla nuca. Il sacerdote don Alcide Lazzeri, in quanto religioso, sarebbe stato risparmiato dai tedeschi, ma scelse di condividere la sorte degli sfortunati parrocchiani.

Compiuta la strage, i tedeschi incendiarono le case di Civitella, provocando così la morte anche di coloro che avevano disperatamente tentato di salvarsi nascondendosi nelle cantine o nelle soffitte. Solo pochi abitanti riuscirono a salvarsi dal massacro. L'orrore di quel giorno fu percepito anche nelle campagne circostanti, specie nelle frazioni a valle: qui, nonostante la distanza, furono ben udite le grida disperate e ben visto il fumo delle case in fiamme. Alla fine si contarono 244 morti: 115 a Civitella, 58 a Cornia e 71 a San Pancrazio[1].

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Il tenente generale Schmalz fu catturato nel maggio 1945 dalle truppe statunitensi e consegnato e alle autorità italiane[2]. Chiamato a rispondere del reato di concorso in violenza con omicidio continuato contro privati cittadini italiani, in relazione anche ad altri eccidi (tra cui la strage di Stia e Vallucciole), fu assolto dal Tribunale militare territoriale di Roma, con sentenza del 12 luglio 1950[3].

Il 6 luglio 2011, il Tribunale militare di Verona condannò all'ergastolo l'ultimo imputato sopravvissuto dell'eccidio, il sergente Max Josef Milde, che, tuttavia, non è stato estradato in Italia[4].

Nel frattempo, il 21 ottobre 2008, i giudici della prima sezione penale della Corte di Cassazione avevano condannato il governo tedesco a risarcire i danni a nove familiari delle vittime dell'eccidio, stabilendo un milione di euro come risarcimento[5].

Avverso la sentenza, la Germania adì la Corte internazionale di giustizia, che, il 3 febbraio 2012, ne accolse il ricorso, asserendo che un tribunale nazionale non poteva condannare uno Stato sovrano, in virtù dell'immunità garantitagli dal diritto internazionale. Conseguentemente, l'Italia dovette privare di effetto la sentenza della Corte di Cassazione del 2008[6][7].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ai martiri di Civitella è stata intitolata la via principale del centro abitato. La piazza centrale dello stesso è stata, invece, intitolata a Don Alcide Lazzeri.

Il Comune fu insignito, nel 1963, della medaglia d'oro al valor civile, cosi come il confinante comune di Bucine per la strage della frazione di San Pancrazio ed altre nel proprio territorio.[8].

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo de La casa del vento nel 2004 ha composto una canzone riguardo alla strage di Civitella intitolata Renzino, contenuta nell'album Sessant'anni di resistenza[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Cenni storici, in Comune di Civitella in Val di Chiana. URL consultato il 7 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2007).
  2. ^ (EN) Italian court sends 3 ex-Nazis to life in prison, in Times of Israel, 27 ottobre 2012. URL consultato il 7 marzo 2013.
  3. ^ Silvia Buzzella et al., La ricostruzione giudiziale dei crimini nazifascisti in Italia. Questioni preliminari, Torino, Giappichelli Editore, 2012, p. 94.
  4. ^ Vallucciole: 6 ergastoli Mai verdetto più duro In tutto 17 condanne, in La Nazione. URL consultato il 7 marzo 2013.
  5. ^ La strage di Civitella [collegamento interrotto], in Il Sole 24 ore - Radio 24, 24 ottobre 2008. URL consultato il 7 agosto 2009.
  6. ^ Storica sentenza all'Aja: la Germania non deve risarcire vittime italiane del nazismo, in Adnkronos, 3 febbraio 2012. URL consultato il 3 febbraio 2012.
  7. ^ Stragi naziste, Berlino vince il ricorso bloccate le indennità alle vittime italiane, in La Repubblica, 3 febbraio 2012. URL consultato il 3 febbraio 2012.
  8. ^ Atto di conferimento della medaglia d'oro al valore civile, in Comune di Civitella in Val di Chiana. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  9. ^ Renzino-Casa del Vento, in Canzoni contro la guerra. URL consultato il 7 agosto 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Atti del Convegno In Memory. Per una memoria europea dei crimini nazisti, Arezzo, 22-24 giugno 1994
  • Ida Balò Valli, a cura di, Giugno 1944, Civitella racconta, Editrice Grafica l'Etruria, Cortona 1994
  • Giovanni Contini, La memoria divisa, Rizzoli, Milano 1997
  • Santino Gallorini, La memoria riunita. Il partigiano “Renzino” e Civitella tra bugie silenzi e verità, Edizioni Effigi, Arcidosso (GR) 2013
  • Michael Geyer, Civitella in Val di Chiana, 29 giugno 1944, in Leonardo Paggi, a cura di, La memoria del nazismo nell'Europa di oggi, La Nuova Italia, Scandicci 1997
  • Enzo Gradassi, L'ingiustizia assoluta, Provincia di Arezzo, Grafiche Vieri, Roccastrada 2008
  • Gianluca Fulvetti, Uccidere i civili. Le stragi naziste in Toscana (1943-1945), Carocci, Roma 2009.
  • Lutz Klinkhammer, L'occupazione tedesca in Italia 1943-1945, Bollati Boringhieri, Torino 1993.
  • Francesco Sensini, Civitella 18 giugno 1944. Eutanasia di una data, s. d. ma 2010
  • Edoardo Succhielli, La resistenza nei versanti tra l'Arno e la Chiana, Tipografia Sociale, Arezzo 1979.
  • Ivan Tognarini, a cura di, Guerra di sterminio e Resistenza. La provincia di Arezzo. Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1990.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE7652928-9