E. W. Emo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da E.W. Emo)
Jump to navigation Jump to search

E.W. Emo, nome d'arte di Emerich Josef Wojtek (Grafenwörth, 11 luglio 1898Vienna, 2 dicembre 1975), è stato un regista cinematografico austriaco. Ha diretto in particolare commedie, di cui 21 girate con l'attore Hans Moser. Lavorò anche all'estero e scrisse diverse sceneggiature.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un maestro di scuola, frequentò il ginnasio di Krems an der Donau (Landesrealschule) e prestò servizio militare durante la Prima Guerra Mondiale. Nel 1919 lavorò come comparsa e in seguito come aiuto regista, operatore e infine come assistente alla regia in campo cinematografico. Nel 1927 arrivò a Berlino come assistente alla regia, dove lavorò come montatore e sceneggiatore insieme ad altri registi. Nel 1928 mise in scena la sua prima commedia, Fitterwochen. In seguito girò diversi film d'intrattenimento e, con l'avvento del sonoro anche diversi film musicali e di operette. Come regista, Emo ha contribuito alla popolarità di molti attori come Paul Hörbiger, Theo Lingen e soprattutto Hans Moser, con cui girò in tutto 21 film. Nel 1936 fondò a Berlino la Algefa-Film con Paul Hörbiger e il console austriaco Karl Künzel. Nello stesso anno il suo nome d'arte Emerich Walter Emo fu riconosciuto come nome ufficiale. Anche dopo la seconda guerra mondiale Emo poté girare diversi film.

Durante il nazionalsocialismo, Emo fu annoverato tra i registi della Wien-Film, dove girò ancora altre commedie leggere, soprattutto con Hans Moser, a cui concesse un grande margine di improvvisazione. In alcuni dei suoi film l'ortodosso regista criticò i cliché della Wien-Film, come in Anton der Letzte (1939), dove porta agli estremi un Hans Moser brontolone e piantagrane, o in Liebe ist zollfrei (1941), in cui rappresenta l'alta società austriaca non tanto come volgare, ma piuttosto snob e maliziosa.

Il suo unico film di propaganda è Wien 1910 (1942), la cui intenzione, attraverso la distorta rappresentazione della politica viennese con l'antisemita Karl Lueger e il nazionalsocialista tedesco Georg Ritter von Schönerer, era la legittimazione dell'Anschluss. Questo tentativo è da considerare fallito, in quanto considerato dai nazionalsocialisti troppo "austriaco" e ne fu proibita la messa in scena nell'Ostmark. In Germania il film destò poco interesse. Nel 1930, Emo sposò l'attrice tedesca Anita Dorris, da cui ebbe la figlia Maria Emo, nata nel 1936.

E.W. Emo morì il 2 dicembre 1975 a Vienna di arteriosclerosi.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Aiuto regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76578296 · ISNI (EN0000 0000 7329 0791 · LCCN (ENno2009098798 · GND (DE139990941 · BNF (FRcb146781999 (data)