Chiesa del Santissimo Corpo di Cristo (Valvasone)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Duomo di Valvasone)
Jump to navigation Jump to search
Pieve arcipretale del Santissimo Corpo di Cristo
Valvasone Arzene - Duomo SS Corpo.jpg
Facciata della chiesa
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia
LocalitàValvasone Arzene
Coordinate45°59′45.24″N 12°51′47.16″E / 45.9959°N 12.8631°E45.9959; 12.8631
Religionecattolica
TitolareCorpus Domini
Diocesi Concordia-Pordenone
Consacrazione1484
Stile architettonicoGotico, neogotico
Inizio costruzione1449
Completamento1454

Il duomo di Valvasone, noto anche come chiesa del Santissimo Corpo di Cristo, è la parrocchiale di Valvasone, frazione del comune di Valvasone Arzene, in provincia di Pordenone e diocesi di Concordia-Pordenone; fa parte della forania di Spilimbergo.

Custodisce le reliquie della sacra tovaglia che, secondo la tradizione, è il corporale macchiato di sangue in seguito al miracolo eucaristico verificatosi nel 1294 nella vicina Gruaro.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Miracolo eucaristico di Valvasone e Gruaro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa fu edificata nel corso del XV secolo, ma fu sottoposta a completa ristrutturazione in stile neogotico fra la fine dell'Ottocento e inizio del Novecento.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Organo del duomo di Valvasone.

Il gioiello artistico della chiesa è l'organo che risale al 1532, lavoro del veneziano Vincenzo Colombi, e che è l'ultimo esemplare della grande scuola veneta del Cinquecento.

Nella chiesa è presente anche la pala Nozze mistiche di santa Caterina di Giulio Quaglio il Giovane del 1701, posta sull'altare omonimo in stile barocco attribuito a Francesco Cabianca.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida rossa, Friuli-Venezia Giulia, Milano, Touring Club editore, 1999, p. 456, ISBN 88-365-1162-7.
  • Friuli Venezia Giulia - Guida storico artistica naturalistica, Trieste, Bruno Fachin Editore, 2004, p. 100, ISBN 88-85289-69-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]