Duccio Malagamba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Duccio Malagamba (La Spezia, 1960) è un fotografo italiano.

Nel corso di più di 25 anni di esperienza professionale ha partecipato a varie esposizioni, conferenze e giurie, ricevendo quattro "Premi Lux”, riconoscimento conferito dalla Associazione dei Fotografi Professionali di Spagna[1][2][3]. Collabora abitualmente con prestigiosi architetti a livello internazionale come per esempio Álvaro Siza, Herzog & de Meuron, Rafael Moneo, EMBT, e Coop Himmelb(l)au e le sue fotografie sono pubblicate regolarmente da riviste e case editrici specializzate di tutto il mondo.[4] [5] [6]

Dopo essersi laureato in Architettura all'Università di Genova cum laude, si trasferisce a Barcellona per iniziare la sua carriera di architetto[7]. Poco tempo dopo entra nello studio MBM (Martorell-Bohigas-Mackay) Arquitectos, dove, tra l'altro, dirige il gruppo di progettazione responsabile della proposta vincitrice del concorso internazionale “Un Progetto per Siena”[8]. Nel 1989 vince una Borsa di Studio del "CNR" (Consiglio Nazionale delle Ricerche) per una ricerca sull'architettura contemporanea spagnola. Questo lavoro d'investigazione riattiva il suo interesse per la fotografia e la qualità delle sue immagini ottiene un riconoscimento generale. Nel 1991, decide dedicarsi professionalmente alla fotografia di architettura.

Insieme alla sua attività come fotografo, Duccio Malagamba è l'autore di vari articoli sulla fotografia ed architettura e dal 1995 al 2008 è stato, prima Direttore Tecnico e poi, responsabile della sezione Gran Formato della rivista spagnola ‘Diseño Interior'.

"I suoi reportages, intesi come un racconto più che un insieme di immagini separate, hanno come obiettivo trasmettere all'osservatore una complessa gamma di emozioni, esperienze e riflessioni, offrendo una visione del progetto esaustiva e sfaccettata. Ciononostante lo scopo principale della sua ricerca visuale è quello di ispirare e stimolare lo spettatore più che trasmettere informazioni oggettive sull'intervento ritratto".[9]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Moneo - International Portfolio 1985-2012. Photography by Duccio Magamba, Stuttgart, Edition Axel Menges, 2013, ISBN 978-3-936681-56-7.
  • Álvaro Siza: Museu Serralves Porto. Museum Building Guides. Photographic Essay by Duccio Magamba, Barcelona, Ediciones Polígrafa, 2011, ISBN 978-84-343-1283-8.
  • Akiko Okatsuka, Photography / Inspiration – Readings of Architectural Inspiration Through Photographs, in A+U (Architecture & Urbanism), n. 460, 2009.
  • Jordi Ludevid, Fotografia D’Arquitectura: Duccio Malagamba, in INDE Informació i Debat, Collegi d’Arquitectes de Catalunya, n. 5/08, 2008.
  • Nelda Rodger, Give Us Your Best Shot: Ake E:son Lindman, Duccio Malagamba, Cristobal Palma, Edmund Sumner, Nic Lehoux, in AZURE, n. 174, 2007.
  • Carlos Arenas, Duccio Malagamba. Arquitectura Espectáculo, in Salir Salir Urban, n. 64, 2006.
  • Robert Elwall, Building with Light. The international History of Architectural Photography, London, Merrell, 2004, ISBN 978-1-85894-215-5.
  • Maria Letizia Gagliardi, La Misura dello Spazio. Fotografia e Architettura: Conversazioni con i Protagonisti, Rome, Contrasto, 2004, ISBN 978-88-6965-224-0.
  • Through the Lens. International Architectural Photographers, Victoria (Australia), Images Publishing, 2002, ISBN 978-1-876907-26-6.
  • Alvaro Siza (Archipockets), Te Neues, 2002, ISBN 978-3-8238-5580-4.
  • Jorge Pinto Guedes, Fotografia de Arquitectura, in Arte Fotográfica, n. 24, 2002.
  • Jordi Ambrós, Fotografía de Arquitectura. Duccio Malagamba: Alguien teme al fotógrafo de arquitectura?, in ON Diseño, n. 209, 1999.
  • Wilfried Dechau, Architektur Abbilden, Stuttgart, Deutsche Verlags-Anstalt, 1995, ISBN 978-3-421-03092-4.
  • Wilfried Dechau, Architekturfotografie. Duccio Malagamba, in Deutsche Bauzeitung, n. 129, 1995.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lux - Galardonados 1993, su Asociación de Fotógrafos Profesionales de España (archiviato dall'url originale il 1993).
  2. ^ Lux - Galardonados 1995, su Asociación de Fotógrafos Profesionales de España (archiviato dall'url originale il 1995).
  3. ^ Lux - Galardonados 2005, su Asociación de Fotógrafos Profesionales de España (archiviato dall'url originale il 2005).
  4. ^ Istituto Reale di Architetti di Gran Bretagna, su ribapix.com.
  5. ^ The Getty – Union List of Artist Names, su getty.edu.
  6. ^ Lo Sguardo Professionale: Duccio Malagamba nella rivista EXIT, su revistasculturales.com.
  7. ^ Anatxu Zabalbeascoa, Otros arquitectos 5 - Duccio Malagamba, su Del tirador a la ciudad, El País (archiviato dall'url originale il 2012).
  8. ^ Bernardo Secchi e Chiara Merlini, Il Concorso internazionale per piazza Matteotti - la Lizza, Electa, 1992, pp. 122-131, ISBN 88-435-3611-7.
  9. ^ Duccio Malagamba, About, su Duccio Malagamba Fotografía de Arquitectura.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12244611 · ISNI (EN0000 0001 1729 3354 · Europeana agent/base/45060 · LCCN (ENnr2002032061 · BNE (ESXX1718249 (data) · ULAN (EN500245824 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2002032061
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie