Dragoni di Sardegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Dragoni di Sardegna (Corpo dei Dragoni Leggeri di Sardegna dal 1776 e Cacciatori Reali di Sardegna dal 1819) furono un corpo militare storico del Regno di Sardegna, creato nel 1726, e successivamente confluito nell'Arma dei Carabinieri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

All'epoca del primo Re di Sardegna Vittorio Amedeo II, le condizioni dell'ordine e della sicurezza nell'isola lasciavano molto a desiderare, allo scopo di tutelare l'ordine pubblico e di reprimere più efficacemente fenomeni di brigantaggio e banditismo venne creato il corpo.

Una compagnia era di guarnigione a Cagliari, sede del viceré, nel complesso denominato Quartiere dei Dragoni di Santa Croce con un'ampia scuderia, nel quartiere Castello. In quell'area, precedentemente alla cacciata dei sovrani spagnoli ivi stabilitisi nel 1492, si era stabilita una fiorente comunità ebraica, tanto che le strutture in cui essa si era stabilita erano chiamate ghetto degli ebrei. Nel 1764 le compagnie dei vennero ridotte da tre a due e quella cagliaritana contava soltanto quaranta unità.

Nel 1776 il reggimento diviene il Corpo dei Dragoni Leggeri di Sardegna; dopo i successi del corpo e delle milizie locali nei fatti del 1793 contro una imponente squadra navale francese inviata ad occupare l'isola, venne in questa costituito nel 1808 il Reggimento Cavalleggeri di Sardegna. Dal 1819 al 1821 il reggimento prese il nome di Cacciatori Reali di Sardegna, distinguendosi nella lotta al brigantaggio.

Organici[modifica | modifica wikitesto]

Il reggimento, formato da tre sole compagnie, in un primo tempo era costituito da veterani dei reparti di cavalleria della terraferma e da invalidi, mentre successivamente vennero reclutati anche sardi.

Compiti[modifica | modifica wikitesto]

I compiti peculiari del corpo furono essenzialmente di polizia, e furono utilizzati non solo nel mantenimento dell'ordine pubblico e della repressione del brigantaggoo e banditismo, ma anche nella difesa dell'isola da attacchi esterni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]