Donyo Donev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Donyo Donev (Berkovica, 27 giugno 1929Sofia, 28 novembre 2007) è stato un animatore, regista e artista bulgaro.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Laureato alla National Academy of Fine Arts di Sofia, dove ha studiato arte grafica dal 1949 al 1954 avendo come docente l'artista Ilia Beshkov. Successivamente, ha frequentato un corso nel 1959 in Mosca, presso la Sojuzmul'tfil'm.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo primo cartone è stato Gruh e Grushka (1957) cui ha fatto seguito Duet (1961), premiato ai festival cinematografici di Varna (1962) e Vienna (1964). Ha lavorato come caricaturista per il giornale bulgaro "Evening News" (1954-1956). A partire dal 1956 è stato dapprima disegnatore e creativo e successivamente, dal 1970 al 1993, ha ricoperto il ruolo di direttore del Dipartimento dei cartoni animati presso la Sofia Animation Studio (SAF).

Nel 1970 ha creato il cortometraggio Trimata glupatsi (I tre sciocchi) che nel paese ebbe un immediato successo, tanto che è divenuta una serie alla quale ha lavorato fino al 1990, producendo dieci film, ognuno dei quali ha ricevuto premi e riconoscimenti in vari festival internazionali. Altri film degni d'essere ricordati sono Hepi End (1969), Umno selo (1972), De fakto (1973)[1] e Kauza perduta (1977)

Negli anni '90 è stato redattore capo del giornale satirico "Trimata glupatsi" e, come editore, ha pubblicato il magazine umoristico "Fras" (Bang!). Numerose le mostre internazionali a cui ha preso parte con le sue vignette satiriche.

Docente per molti anni al National Academy for Theatre and Film Arts (NAFTA), dove ha insegnato animazione e regia, ha ricevuto l'alto riconoscimento governativo con il premio dell'Ordine dei Santi Cirillo e Metodio[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) De facto - Donyo Donev, in YouTube, 22 gennaio 2007. URL consultato il 1-3-2017.
  2. ^ (EN) Georgi Djulgerov, Donyo Donev, in IMDB. URL consultato il 1-3-2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN71599210 · ISNI: (EN0000 0000 0137 5219 · LCCN: (ENn81047272 · BNF: (FRcb140938711 (data)