Dong Fang Hong 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dong Fang Hong 1
Immagine del veicolo
DFH-1 Satellite.jpg
Dati della missione
Operatore Cina Accademia di Tecnologia Spaziale Cinese
NSSDC ID 1970-034A
SCN 04382
Satellite di Terra
Esito Successo
Vettore Lunga Marcia 1
Lancio 24 aprile 1970
Luogo lancio Cosmodromo di Jiuquan
Rientro 14 maggio 1970
Parametri orbitali
Orbita Orbita terrestre bassa
Missioni correlate
Missione precedente Missione successiva
- -

Dong Fang Hong 1 (东方红一号S, Dōngfānghóng YīhàP), conosciuto anche come China 1, è stato il primo satellite artificiale lanciato in orbita dalla Repubblica Popolare Cinese. Il lancio venne effettuato il 24 aprile 1970 dal Cosmodromo di Jiuquan con il razzo vettore di fabbricazione nazionale Lunga Marcia 1.

Il progetto per il lancio del primo satellite cinese era stato approvato nel 1965. Lo sviluppo del satellite fu iniziato sotto la guida di Qian Xuesen nel novembre 1966, interrotto a causa della Rivoluzione Culturale e ripreso nel 1968. Dopo il successo del lancio, lo scienziato Qian Xuesen propose al governo cinese lo sviluppo di un programma spaziale per il lancio di una navicella con uomini a bordo. Il programma fu approvato personalmente da Mao Zedong.

Il primo satellite cinese aveva la forma di un poliedro con 72 facce, un diametro di circa 1 metro e pesava 173 kg; a bordo era stata montata una radio che trasmetteva a scopo propagandistico la canzone L'Oriente è rosso, inno della Rivoluzione Culturale. Il satellite trasmise per 26 giorni.

Con il lancio di Dong Fang Hong 1 la Cina divenne la quinta nazione al mondo ad effettuare con successo il lancio di un satellite con un razzo vettore nazionale dopo URSS, USA, Francia e Giappone (tutti gli altri, compresi il San Marco 1, si sono avvalsi di vettori Scout di fabbricazione statunitense e, più in generale, di logistica NASA).

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica