AsiaSat 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
AsiaSat 1
Immagine del veicolo
STS-51-A Westar 6 retrieval.jpg
Dati della missione
OperatoreHong Kong Asia Satellite Telecommunications Co. Ltd.
NSSDC ID1990-030A
SCN20558
Satellite diTerra
EsitoSuccesso
VettoreLunga Marcia 3
Lancio7 aprile 1990
Luogo lancioCentro spaziale di Xichang
Rientrogennaio 2003
Parametri orbitali
OrbitaOrbita terrestre bassa
Missioni correlate
Missione precedenteMissione successiva
- -

AsiaSat 1 (precedentemente Westar 6) è stato il primo satellite artificiale dell'Asia Satellite Telecommunications Co. Ltd. ("AsiaSat") e, indirettamente, di Hong Kong: quando è stato ri-messo in orbita (ovvero nel 1990), infatti, Hong Kong era ancora sotto il Regno Unito e non sotto la Repubblica Popolare Cinese[1]. Ciò nasceva in gran parte dall'esigenza di modernizzare le comunicazioni in un'Asia già in grande trasformazione, ma ancora profondamente rurale.

AsiaSat 1 è stato "ri-messo in orbita" poiché recuperato da un'orbita troppo bassa[2] per il corretto funzionamento, dov'era finito a causa del fallimento della sua prima missione. Questa era per conto della Western Union ed era avvenuta nel febbraio 1984 (parte della più generale missione STS-41-B). Successivamente (novembre 1984), l'equipaggio dello Space Shuttle Discovery recuperò Westar 6 (così all'epoca si chiamava) nel corso della missione STS-51-A della NASA. È stato quindi acquistato e rilanciato dall'AsiaSat dal Centro spaziale di Xichang sul razzo di fabbricazione cinese Lunga Marcia 3[3][4].

A progettare, costruire (per la W.U.) e riadattare (per l'AsiaSat) il satellite è stata l'azienda statunitense Hughes Aircraft. AsiaSat si basa sul modello HS 376[4].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Basato sul Hughes Aircraft 376, aveva due pannelli solari cilindrici telescopici ed un'antenna pieghevole perché fosse più compatto durante il lancio[4]. Al lancio pesava 1.442 kg[5].

Una volta entrato nell'orbita geostazionaria desiderata, a 36.000km al di sopra dell'equatore, l'antenna si è sollevata e il pannello esterno esteso, raddoppiando così altezza e potenza del satellite[4].

AsiSat 1 era dotato di 24 transponder in banda C[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sarebbe stata annessa nel 1997
  2. ^ E quindi inutile
  3. ^ Già dal 1970 la Cina possedeva queste capacità tecniche
  4. ^ a b c d e Da Skyrocket.de
  5. ^ Da TBS