Domenico Dolce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Domenico Mario Assunto Dolce

Domenico Mario Assunto Dolce[1] meglio conosciuto come Domenico Dolce (Polizzi Generosa, 13 agosto 1958) è uno stilista e imprenditore italiano, fondatore insieme a Stefano Gabbana della casa di moda Dolce & Gabbana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fin da piccolissimo Domenico è abituato a lavorare. Passa infatti le sue giornate aiutando nella sartoria del padre e a sei anni cuce il suo primo pantalone. La famiglia capisce subito il suo grande talento e lo sprona affidandogli la scelta delle stoffe e piccole mansioni. Nel frattempo Domenico Dolce studia al collegio di Palermo e poi al liceo scientifico. Inizialmente sognava di fare l'architetto, ma nel 1978 si imbatte in alcune riviste del padre che lo fanno innamorare della moda, quindi si iscrive alla Scuola per Stilisti di Milano. [2]

Nel 1981 avvia il suo sodalizio professionale con l'allora compagno di vita Stefano Gabbana, con il quale nel 1984 apre uno studio di consulenza artistica.[3] L'anno successivo Dolce e Gabbana presentano la loro prima collezione moda a Milano. Il successo ottenuto dai due stilisti rende il marchio uno dei più celebri nel campo della moda, al punto che nel 2004 vengono nominati nell'ambito degli Elle Style Award come migliori designer internazionali.[3]

Benché continuino a lavorare insieme, nel 2004 la relazione sentimentale fra i due stilisti è terminata.[4]

Al marzo 2013 per la rivista Forbes è il 15° uomo più ricco d'Italia (2 mld di dollari) e il 735° uomo più ricco del mondo.[5]

Nel 1995 Domenico, insieme al collega Stefano Gabbana, è nel cast di "L'uomo delle Stelle" di Giuseppe Tornatore. Alla coppia viene affidato un cameo. Nel 2020 è sempre Tornatore a dedicare un film - documentario ai due stilisti: Devotion. La prima in esclusiva mondiale si è svolta nell'anfiteatro romano di Agrigento e in contemporanea nelle piazze Siciliane. [6]

Amore per la Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la fama Domenico Dolce si è sempre dichiarato innamorato della sua terra e ci torna spesso. Sono infatti innumerevoli le ispirazioni siciliane nelle collezioni di Dolce&Gabbana.[7] Amore che traspare anche da nuove partnership commerciali tra la maison di moda e brand tipici del territorio siculo. Nel 2020 D&G collabora con la casa vinicola siciliana Donnafugata per creare il rosè Rosa. [8] Sulla stessa scia la collaborazione con il Maestro pasticciere Nicola Fiasconaro per il panettone.[9] O ancora con il pastificio Di Martino per la pasta e la tipica salsa al pomodoro.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ all'atto di battesimo come Domenico Maria Assunta Dolce; cfr. http://www.corriere.it/sette/13_gennaio_29/2013-05-stella-dolce-gabbana_1efde944-6a17-11e2-9ade-d0fed6564ad7.shtml
  2. ^ Cristina Di Maggio, Domenico Dolce, l’altra metà di Dolce&Gabbana, su Metropolitan Magazine, 13 agosto 2020. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  3. ^ a b Domenico Dolce, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. Modifica su Wikidata
  4. ^ Stefano Dolce e Domenico Gabbana si sono lasciati
  5. ^ The World's Billionaires, su forbes.com. URL consultato il 4 marzo 2013.
  6. ^ Gian Luca Bazuano, Nuovo Cinema Dolce e Gabbana: nelle piazze della Sicilia il film di Tornatore, su Corriere della Sera, 8 gennaio 2020. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  7. ^ Paola Pollo, Dolce & Gabbana e il patchwork di Sicilia: «Fa star bene insieme», su Corriere della Sera, 23 settembre 2020. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  8. ^ Dal matrimonio Donnafugata-Dolce&Gabbana nasce Rosa - Terra & Gusto, su ANSA.it, 14 maggio 2020. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  9. ^ (EN) Dolce&Gabbana: Dolce&Gabbana and Fiasconaro: The Panetonne with Sicilian almonds - Luxferity, su luxferity.com. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  10. ^ (EN) Condé Nast, Dolce & Gabbana's Pasta Collaboration with Pasta Di Martino, su Vogue. URL consultato l'8 ottobre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN31272717 · ISNI (EN0000 0003 7323 4468 · LCCN (ENn97003864 · ULAN (EN500293254 · WorldCat Identities (ENlccn-n97003864