Diocesi di Pemba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diocesi di Pemba
Dioecesis Pembana
Chiesa latina
Catedral de São Paulo, Pemba, Mozambique (3874593523).jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Nampula
Mappa della diocesi
Sede vacante
Amministratore apostolico António Juliasse Ferreira Sandramo
Vescovi emeriti Januário Machaze Nhangumbe
Sacerdoti 43 di cui 19 secolari e 24 regolari
16.169 battezzati per sacerdote
Religiosi 37 uomini, 73 donne
Abitanti 2.333.278
Battezzati 695.289 (29,8% del totale)
Superficie 82.625 km² in Mozambico
Parrocchie 22
Erezione 5 aprile 1957
Rito romano
Cattedrale San Paolo
Indirizzo Paco Episcopal, C.P. 12, Rua 018 124, 80100 Pemba, Cabo Delgado, Moçambique
Dati dall'Annuario pontificio 2020 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Mozambico

La diocesi di Pemba (in latino: Dioecesis Pembana) è una sede della Chiesa cattolica in Mozambico suffraganea dell'arcidiocesi di Nampula. Nel 2019 contava 695.289 battezzati su 2.333.278 abitanti. La sede è vacante.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende l'intera provincia di Cabo Delgado nel nord del Mozambico.

Sede vescovile è la città di Pemba, dove si trova la cattedrale di San Paolo.

Il territorio è suddiviso in 22 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Porto Amélia fu eretta il 5 aprile 1957 con la bolla Quandoquidem di papa Pio XII, ricavandone il territorio dalla diocesi di Nampula (oggi arcidiocesi).

Il 17 settembre 1976 per effetto del decreto Cum Excellentissimus della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli ha assunto il nome attuale.

Originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di Lourenço Marques (oggi arcidiocesi di Maputo), il 4 giugno 1984 è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Nampula.

Nel 2021 nelle località di Mocímboa da Praia e di Mucojo si sono registrati rapimenti di centinaia di minori ad opera di gruppi terroristici islamisti, in particolare Al Shabaab, già responsabili di attentati che dal 2017 avevano causato 2500 morti. I ragazzi rapiti sono avviati all'uso delle armi, facendone dei combattenti, le ragazze vengono sfruttate sessualmente.[1]

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi nel 2019 su una popolazione di 2.333.278 persone contava 695.289 battezzati, corrispondenti al 29,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1970 100.697 632.158 15,9 46 5 41 2.189 49 69 7
1980 208.000 1.461.000 14,2 16 4 12 13.000 16 31 13
1990 308.705 1.876.000 16,5 11 5 6 28.064 9 32 25
1997 371.578 2.000.000 18,6 20 13 7 18.578 10 33 15
2000 374.873 1.400.000 26,8 18 13 5 20.826 7 29 13
2001 380.000 1.400.000 27,1 18 13 5 21.111 7 40 14
2002 382.676 2.000.000 19,1 19 13 6 20.140 8 47 14
2003 406.000 2.120.000 19,2 20 13 7 20.300 10 47 15
2004 400.000 1.400.000 28,6 19 12 7 21.052 9 68 14
2013 621.000 1.968.000 31,6 25 19 6 24.840 17 71 21
2016 670.000 2.121.000 31,6 25 16 9 26.800 18 67 24
2019 695.289 2.333.278 29,8 43 19 24 16.169 37 73 22

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mozambico: don Fonseca (Pemba) a Acs, “centinaia di minorenni rapiti” Facebook, Agensir, 10 giugno 2021
  2. ^ Manuel Vieira Pinto, arcivescovo di Nampula, fu amministratore apostolico dal 12 dicembre 1992 al 24 ottobre 1997.
  3. ^ Nominato vescovo titolare di Forno Minore ed ausiliare di Nampula il 6 agosto 2014.
  4. ^ Fernando Domingos Costa, C.P., fu amministratore apostolico dal 27 ottobre 2012 al 14 settembre 2013, giorno della presa di possesso della diocesi del vescovo Luiz Fernando Lisboa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi