Diocesi di Afneo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Afneo
Sede vescovile titolare
Dioecesis Aphnaetena
Patriarcato di Alessandria
Sede titolare di Afneo
Mappa della diocesi civile d'Egitto (V secolo)
Vescovo titolare sede vacante
Istituita 1933
Stato Egitto
Diocesi soppressa di Afneo
Suffraganea di Pelusio
Eretta  ?
Soppressa  ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Afneo (in latino: Dioecesis Aphnaetena) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Afneo, forse identificabile con le rovine del Tell-Defenneh (Tahpanhes), è un'antica sede episcopale della provincia romana della Augustamnica Prima nella diocesi civile d'Egitto. Faceva parte del patriarcato di Alessandria ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Pelusio.

Di questa sede, eretta probabilmente all'epoca dell'arcivescovo Teofilo (385-412)[1], è noto un solo vescovo, Ierace, che prese parte ai concili ecumenici di Efeso (431) e di Calcedonia (451).

Dal 1933 Afneo è annoverata tra le sedi vescovili titolari della Chiesa cattolica; il titolo non è più assegnato dal 15 aprile 1997. Il suo ultimo titolare è stato Gregorio Espiga e Infante, vicario apostolico di Palawan nelle Filippine.

Cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi greci[modifica | modifica wikitesto]

  • Ierace † (prima del 431 - dopo il 451)

Vescovi titolari[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph Alexander Fernandes † (24 gennaio 1949 - 12 aprile 1951 nominato arcivescovo di Delhi e Simla)
  • Gregorio Espiga e Infante, O.A.R. † (3 luglio 1955 - 15 aprile 1997 deceduto)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annick Martin, Athanase d'Alexandrie et l'Église d'Égypte au IVe siècle (328-373), École Française de Rome, Roma 1996, p. 781.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi