Dino Coltro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dino Coltro (Albaredo d'Adige, 2 novembre 1929Verona, 4 luglio 2009) è stato uno scrittore e poeta italiano. Nato a Strà di Coriano presso Albaredo d'Adige da una famiglia di contadini di una corte rurale, è riuscito con molti sacrifici a diventare maestro elementare, e dal 1970 al 1990 è stato direttore didattico a San Giovanni Lupatoto.

Ha dedicato gran parte della sua vita allo studio delle antiche tradizioni popolari veronesi e venete, pubblicando una trentina di libri e il famosissimo "Lunario Veneto".

Per il suo lavoro ha ottenuto vari riconoscimenti, tra cui il Premio Sirmione-Catullo, la Medaglia d'Oro del Presidente della Repubblica al merito educativo e culturale e la laurea honoris causa in Scienze della Formazione, ricevuta nel 2005 dall'Università di Verona.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • I lèori del socialismo (1973)
  • Sloti de tera (1977)
  • Leggende e racconti popolari del Veneto (1982)
  • Paese perduto (1982)
  • Un proverbio al giorno (1985)
  • Fole lilole (1987)
  • Cante e cantàri (1988)
  • Stagioni contadine (1988)
  • L'Adige (1989)
  • Piero Bailon che con on giro de baile girava on campo (1989)
  • La nostra polenta quotidiana (1990)
  • Il temporario (1993)
  • Santi e contadini (1994)
  • Parole perdute (1995)
  • Il parlar adesante (1996)
  • Memoria del tempo contadino (1997)
  • L'altra cultura (1998)
  • L'altra lingua (2001)
  • La cucina tradizionale veneta (2002)
  • Dio non paga al sabato (2004)
  • Rivalunga (2004)
  • Quatro ciacole con Barbarani (2006)
  • Gnomi, anguane e basilischi (2006)
  • La terra e l'uomo (2006)

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90141938 · LCCN: (ENn82088774 · SBN: IT\ICCU\CFIV\048644 · ISNI: (EN0000 0000 6311 4786 · GND: (DE138653909 · BNF: (FRcb14411381h (data)