Dil To Pagal Hai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dil To Pagal Hai
Dil To Pagal Hai.jpg
Titolo originale दिल तो पागल है
Dil To Pagal Hai
Lingua originale hindi
Paese di produzione India
Anno 1997
Durata 180 m
Colore colore
Audio sonoro
Genere sentimentale
Regia Yash Chopra
Soggetto Vijayadan Detha, Sandhya Gokhale, Amol Palekar
Sceneggiatura Aditya Chopra, Tanuja Chandra, Pamela Chopra, Yash Chopra
Produttore Yash Chopra, M Vakil
Casa di produzione Yash Raj Films
Fotografia Manmohan Singh
Montaggio V. Karnik
Musiche Uttam Singh
Interpreti e personaggi

Dil To Pagal Hai (hindi: दिल तो पागल है, urdu: دل تو پاگل ہے, in italiano: Il cuore è matto) è un film del 1997 di Yash Chopra. Il film racconta dell'amore fra dei ballerini in una compagnia di danza. La tag line del film è "Qualcuno da qualche parte è fatto per te..." protagonisti del film sono Shahrukh Khan, Madhuri Dixit e Karisma Kapoor, con un lungo cameo di Akshay Kumar. È il primo film di Bollywood ad essere girato a Baden-Baden, in Germania, e nel parco tematico tedesco Europa Park. Il film è stato il secondo più grande incasso per l'anno 1997 a Bollywood.[1] Il film ha ricevuto numerosi premi, compresi i Filmfare Awards nelle categorie più importanti: miglior film, miglior regista, miglior attore e miglior attrice.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Rahul è il ballerino e il direttore di un popolare musical. Crede che Nisha, una delle sue ballerine, è la sua migliore amica; Nisha si comporta come un'amica, ma è segretamente innamorata di lui. Nisha si ferisce a un piede e Rahul ha bisogno di una nuova ballerina. Così ingaggia Pooja. Lei e Rahul sono sempre più attratti l'uno dall'altro, ma si comportano come se non fosse accaduto nulla. Ma Pooja, all'insaputa di Rahul, è gia promessa ad Ajay e una volta che…

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Box Office 1997, BoxOfficeIndia.Com. URL consultato il 16 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2012).
  2. ^ Filmfare Winners 1997, IndiaTimes.Com. URL consultato il 16 maggio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]