Dicloruro di cromo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dicloruro di cromo
Hydrophilite.GIF
Nome IUPAC
cloruro di cromo(II)
Nomi alternativi
dicloruro di cromo, cloruro cromoso
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareCrCl2
Peso formula (u)122,902
Aspettosolido cristallino bianco
Numero CAS10049-05-5
Numero EINECS233-163-3
PubChem24871
SMILES
Cl[Cr]Cl
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)2,9
Temperatura di fusione1097 (824 °C)
Temperatura di ebollizione1393 (1120 °C)
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg)1870 (oral, rat)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante
attenzione
Frasi H302 - 315 - 319 - 335
Consigli P261 - 305+351+338 [1]

Il dicloruro di cromo, o cloruro di cromo(II) è il composto chimico di formula CrCl2. È noto anche con la vecchia denominazione di cloruro cromoso. In condizioni normali è un solido cristallino bianco inodore, usato per la sintesi di complessi del cromo. CrCl2 è igroscopico; si scioglie in acqua dando soluzioni blu che vengono facilmente ossidate dall'ossigeno dell'aria per formare prodotti contenenti Cr(III).

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Nel cristallo CrCl2 ha una struttura cristallina ortorombica tipo rutilo distorta, con gruppo spaziale Pnnm simile a quella del cloruro di calcio con a = 664, b = 598 e C = 348 pm.[2] La distorsione è dovuta all'effetto Jahn-Teller generato dalla configurazione d4 ad alto spin dello ione Cr(II) in campo ottaedrico.

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

CrCl2 viene prodotto riducendo il cloruro di cromo(III) con idrogeno a 500 °C:[3]

2CrCl3 + H2 → 2CrCl2 + 2HCl

Su scala minore si può ridurre CrCl3 usando LiAlH4:

4CrCl3 + LiAlH4 → 4CrCl2 + LiCl + AlCl3 + 2H2

Reattività[modifica | modifica wikitesto]

CrCl2 è un composto stabile se mantenuto in assenza di aria e di umidità. Si scioglie in acqua dando soluzioni blu. Il colore è dovuto allo ione [Cr(H2O)6]2+. Questo stesso ione si può ottenere più semplicemente a partire da soluzioni contenenti Cr(III), per riduzione con amalgama di zinco:

2[Cr(H2O)6]3+ + Zn/Hg → 2[Cr(H2O)6]2+ + Zn2+ + Hg

Lo ione [Cr(H2O)6]2+ è fortemente riducente (E° Cr3+/2+= −0,41 V) e in soluzione acida a caldo riduce l'acqua a idrogeno:

2Cr(II) + 2H3O+ → 2Cr(III) + H2 + 2H2O

In soluzione alcalina il cromo forma idrossidi, e in questo caso la reazione di sviluppo di idrogeno è più veloce perché Cr(OH)3 ha una solubilità molto bassa e si sottrae all'equilibrio:[4]

2Cr(OH)2 + 2H3O+ → 2Cr(OH)3 + H2

Usi[modifica | modifica wikitesto]

CrCl2 viene usato come precursore nella sintesi di complessi inorganici e organometallici di cromo. Riduce alogenuri alchilici e composti nitroaromatici. I composti organometallici del cromo sono molto versatili, data la moderata elettronegatività del cromo e la varietà di substrati con i quali CrCl2 può interagire.[5] CrCl2 è usato come reagente nella reazione di Nozaki-Hiyama-Kishi.

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

CrCl2 è fortemente corrosivo per la pelle e le mucose, ed è nocivo se ingerito. Non sono stati effettuati studi approfonditi sulla sua tossicologia. Non risulta classificabile come cancerogeno.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 03.12.2012
  2. ^ J. W. Tracy, N. W. Gregory, E. C. Lingafelter, J. D. Dunitz, H.-C. Mez, R. E. Rundle, C. Scheringer, H. L. Yakel Jr, M. K. Wilkinson, The crystal structure of chromium(II) chloride, in Acta Cryst., vol. 14, 1961, pp. 927-929, DOI:10.1107/S0365110X61002710.
  3. ^ A. B. Burg, R. C. Young, C. Starr, Anhydrous chromium(II) chloride : (chromous chloride), in Inorg. Synth., vol. 3, 1950, pp. 150-153, DOI:10.1002/9780470132340.
  4. ^ F. P. Treadwell, Chimica analitica. Volume 1. Analisi qualitativa, 7ª ed., Milano, Vallardi, 1955.
  5. ^ K. Takai, K., T.-P. Loh, Chromium(II) chloride, in Encyclopedia of reagents for organic synthesis, New York, John Wiley & Sons, 2005, DOI:10.1002/047084289X.rc166, ISBN 978-0-470-84289-8.
  6. ^ Alfa Aesar, Scheda di sicurezza di CrCl2 (PDF), su alfa.com:. URL consultato il 14 marzo 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. E. Housecroft, A. G. Sharpe, Inorganic chemistry, 3ª ed., Harlow (England), Pearson Education Limited, 2008, ISBN 978-0-13-175553-6.
  • N. N. Greenwood, A. Earnshaw, Chemistry of the elements, 2ª ed., Oxford, Butterworth-Heinemann, 1997, ISBN 0-7506-3365-4.
Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia