Diatomyidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Diatomiidi
Laonastes aenigmamus - young male JP Hugot PLOS ONE.jpg
Laonastes aenigmamus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Hystricomorpha
Infraordine Ctenodactylomorphi
Famiglia Diatomydae
Mein & Ginsburg, 1997
Fig.1
Fig.2

I Diatomiidi (Diatomyidae Mein & Ginsburg, 1997) sono una famiglia di Roditori, del sottordine degli Istricomorfi rappresentati attualmente dall'unica specie vivente, il ratto delle rocce laotiano.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche ossee e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche craniche sono molto simili a quelle dei gundi, con una disposizione della muscolatura del massetere di tipo istricognato (Fig.1), con il foro infra-orbitale enorme nel quale passano le fasce muscolari e le placche zigomatiche sottili e situate più in basso rispetto ad esso. La mandibola è invece di tipo sciurognato (Fig.2), combinazione presente oltre che nei Ctenodactilidi soltanto negli Anomaluridi e nei Pedetidi. Sono presenti quattro denti masticatori, un premolare e tre molari su ogni semi-arcata, questi ultimi hanno quattro radici, hanno la corona alta e l'ultimo non è mai ridotto nelle dimensioni. Le cuspidi sono ridotte a quattro e disposte in maniera tipicamente bilofodonte, ovvero queste ultime sono fuse in coppie a formare due distinte lamine. La tibia e la fibula sono separate tra loro per gran parte della loro lunghezza.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La morfologia esterna si basa principalmente sulla descrizione dell'unica specie vivente, il ratto delle rocce laotiano, ovvero quello di un roditore simile ad un incrocio tra un ratto ed uno scoiattolo con una lunga e folta coda.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Sono noti fossili risalenti all'Oligocene e al Miocene in Indocina, Pakistan e Cina. Probabilmente erano roditori rupicoli come l'unica forma vivente e i gundi, i loro parenti più vicini.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia si suddivide in 5 generi estinti ed uno vivente:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mein P & Ginsburg L, Les mammiferes du gisement miocene inférieure de Li Mae Long, Thailande; Systematique biostratigraphie et paleoenvironment, in Geodiversitas, vol. 19, nº 4, 1997, pp. 783-844.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi