Desson Thomson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Desson Patrick Thomson, in precedenza Desson Howe (Surrey, 1958), è un giornalista, critico cinematografico e scrittore statunitense.

È stato redattore di film per il The Washington Post per circa venti anni, prima di divenire autore di discorsi per l'amministrazione Obama.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Noto come Desson Howe fino al 2003, anno in cui si ricongiunse con il suo padre naturale e cambiò nome in Desson Patrick Thomson, frequentò l'American University dal 1975 al 1979, laureandosi nella primavera del 1980 con una tesi sulla comunicazione visiva e sugli studi cinematografici. Cominciò a lavorare per il The Washington Post nel 1983 nella sezione "Stile" e dal 1984 scrisse articoli come freelancer per il quotidiano. Nel 1987 divenne critico cinematografico per il giornale.[1]

Thomson lasciò il The Washington Post nel 2008 e nel 2010 fu assunto come uno degli autore di discorsi (in inglese speechwriter) per l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama.[2] Dal febbraio 2010 fino al novembre dello stesso anno lavorò a Londra per l'ambasciatore statunitense nel Regno Unito Louis Susman. Nel dicembre 2010, divenne autore di discorsi del segretario di stato Hillary Clinton, entrando così a far parte del Policy Planning Staff del Dipartimento di Stato; nel febbraio 2012, ricoprì lo stesso incarico per sottosegretario di Stato per la diplomazia e gli affari pubblici.[3] Fino al settembre 2017 fu consulente e speechwriter per Charles Rivkin, segretario di stato per l'economia e gli affari interni; quando Rivkin divenne CEO della Motion Picture Association of America, Thompson lo seguì, assumendo la carica di Direttore della comunicazione presso la stessa associazione.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Melissa Reichley, Alumni Profile: Desson Thomson, American University, febbraio 2005 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2011).
  2. ^ Ed O'Keefe, Former Post film critic joins Obama administration, in The Washington Post, 2 febbraio 2010.
  3. ^ (EN) Joe Concha, ‘Trump TV pipeline’ is a joke, next to Obama’s media hires, su Thehill.com, 15 marzo 2018. URL consultato il 4 ottobre 2019.
  4. ^ (EN) Desson Thomson, su Prdaily.com. URL consultato il 4 ottobre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]