Deposizione di Cristo (Ribera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Deposizione di Cristo
Concattedrale di MS Assunta HD 23.JPG
La tela
AutoreJusepe de Ribera
Datainizio XVII secolo
Tecnicaolio su tela
UbicazioneConcattedrale di Santissima Maria Assunta e San Catello, Castellammare di Stabia

La Deposizione di Cristo è un dipinto a olio su tela di Jusepe de Ribera databile intorno all'inizio del XVII secolo[1] e conservato nella concattedrale di Santissima Maria Assunta e San Catello a Castellammare di Stabia.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'opera venne donata dal conte Vincenzo Coppola al vescovo della diocesi di Castellammare di Stabia, Vincenzo Maria Sarnelli[2]: questa si trova sull'altare della cappella dell'Ara Pacis, nella concattedrale della città stabiese[3].

La scena si svolge in un'ambientazione non ben definita, dai colori molto scuri, e l'unico elemento naturale riscontrabile è la presenza di una roccia: Cristo, il protagonista della tela, è posto su un altare, in parte coperto da un manto di lino bianco, e presenta un volto sofferente ed ai suoi piedi, poggiati sull'ara, tre chiodi, simbolo della crocifissione[3]. Attorno alla figura principale si trovano una serie di personaggi: ai suoi piedi Maria Maddalena, piangente, mentre accarezza il piede di Gesù, Giovanni che mostra le stimmante a Maria, la quale è in posizione orante e Giuseppe di Arimatea che con le mani e il capo sostiene il corpo di Cristo; in alto a sinistra, in penombra, una volto, riconducibile a quello dello stesso Ribera, osserva la scena[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cenni sull'arcidiocesi (PDF), su Compassioniste.org. URL consultato l'8 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  2. ^ La Cattedrale di Castellammare di Stabia, su Gdangelo.it, Giuseppe D'Angelo. URL consultato l'8 giugno 2014.
  3. ^ a b c Le opere di Jusepe de Ribera a Castellammare di Stabia, su Liberoricercatore.it, Giuseppe Zingone. URL consultato l'8 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2009).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]