Dendrobium hancockii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dendrobium hancockii
Dendrobium hancockii.jpg
Infiorescenza
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Epidendroideae
Tribù Malaxideae
Sottotribù Dendrobiinae
Genere Dendrobium
Specie D. hancockii
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Nomenclatura binomiale
Dendrobium hancockii
Rolfe, 1903
Sinonimi

Dendrobium odiosum
Finet, 1903

Dendrobium hancockii Rolfe, 1903 è una pianta della famiglia delle Orchidaceae[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

D. hancockii è un'orchidea di taglia variabile, da media fino a gigantesca, epifita o litofita con steli snelli, occasionalmente ramificati, con foglie apicali, lineari, lunghe 6 - 7 centimetri. La fioritura avviene in primavera, con una o due fiori aggettanti dalle ascelle apicali, intensamente profumati di miele e grandi fino a 4 centimetri[2].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

D. hancockii è originaria della provincia dello Yunnan, nel sud della Cina, dove cresce sui tronchi degli alberi nelle foreste o sulle rocce lungo le valli. Come epifita vegeta tra i 200 e i 1500 metri di quota, spingendosi a quote maggiori come litofita (1600-2150 metri) [2].

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie richiede una leggera diminuzione di acqua ed eliminazione del fertilizzante in inverno, ma non va lasciata asciugare completamente. Innaffiature e concimazioni vanno riprese a primavera[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dendrobium hancockii, in World Checklist of Orchidaceae, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 4 marzo 2014.
  2. ^ a b c Dendrobium hancockii, in Internet Orchid Species Photo Encyclopedia. URL consultato il 4 marzo 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mark W. Chase, Kenneth M. Cameron, John V. Freudenstein, Alec M. Pridgeon, Gerardo Salazar, Càssio Van Den Berg & André Schuiteman, An updated classification of Orchidaceae, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 177, 2015, pp. 151 - 174.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica