Dead Space - La forza oscura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dead Space - La forza oscura
Dead Space Downfall.JPG
La squadra dell'Ishimura.
Titolo originale Dead Space: Downfall
Paese di produzione USA
Anno 2008
Durata 74 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere animazione, azione, orrore, fantascienza, splatter
Regia Chuck Patton
Sceneggiatura Justin Gray, Jimmy Palmiotti
Doppiatori originali

Dead Space - La forza oscura (Dead Space: Downfall) è un film d'animazione nel quale sono narrati gli eventi precedenti a quelli presentati nel videogioco Dead Space.

Il DVD, inizialmente allegato alla edizione limitata del gioco (Dead Space Ultra Limited Edition) è successivamente uscito anche in formato Blu-ray e DVD per la vendita singola. In Italia è disponibile dal 5 dicembre 2008, col titolo Dead Space: La Forza Oscura

Differenze con il videogioco[modifica | modifica sorgente]

Tra Dead Space: Downfall ed il videogioco Dead Space sono molte le differenze:

  • Il design del ponte dell' Ishimura è differente: lo schermo per la diagnostica del pianeta è posto al centro della sala principale, nel cartone animato, mentre nel videogioco è posto da tutt'altra parte, precisamente nel luogo d'incontro tra Isaac e Hammond
  • Durante il film, si notano fasci di luce blu che mantengono saldo il frammento gigantesco del pianeta all'astronave: nel gioco non sono visibili
  • I produttori avrebbero voluto aggiungere un mostro esclusivo nel film, una sorta di mastodontico mastino con doppia testa e con tronchi umani vivi sulla schiena chiamato Graverobber (Ladro di Tombe), poi rimosso in post produzione
  • C'è una scena in cui Alissa combatte contro il dottor Kyne nella cella centrifuga visitabile nel capitolo 3 del videogioco: si sarebbe dovuto introdurre un nuovo mostro esclusivamente nel film, invece il mostro in questione, il rigeneratore, dev'essere affrontato nel gioco.
  • Alcune scene visibili sia in Downfall che Dead Space hanno subito variazioni varie. Alcuni dialoghi tra il Capitano Mathius ed il dottor Kyne, nel film più truculenti, e l'annuncio d'arrivo da parte di Kellion alla fine del film ed all'inizio del gioco verso l'Ishimura sono due esempi effettivi.
  • Il film termina con il Marker nell'hangar in cui Kellion atterra nel videogioco. Il marker dovrebbe dunque trovarsi li, appena giunti sulla Ishimura ma, erroneamente, viene rispedito nel magazzino da cui era stato estratto.
  • Vi è un errore di doppiaggio nella versione italiana: il manufatto alieno viene infatti chiamato "Marcatore" anziché "Marchio".
  • Nel film l'infezione aliena si diffonde rapidamente, nell'arco di poche ore. Nel gioco, invece, sembra persistere, ma diffondersi molto più lentamente, avendo potuto gli scienziati esaminare l'agente principale, e formulare ed, eventualmente, inoculare in provette una cura. Pare, inoltre, che abbiano tentato di riparare la nave, essendosi l'infezione sparsa in due giorni..
  • Challus Mercer e Jacob Temple, benché presenti nel videogioco, sono qui assenti
  • I necromorfi sono maggiormente sagaci nel film che nel gioco, essendo capaci di braccare la squadra d'intervento in una strettoia e di bloccare loro le già concise vie di fuga.
  • Nel film, il dottor Kyne elimina incidentalmente il Capitano dell'Ishimura, perforandogli l'occhio destro con una siringa, perché quest'ultimo, controllato dall' Unica Mente, sventatamente lo stava ferendo a mani nude. Nel gioco, invece, il capitano viene bloccato e sottoposto ad una dose di tranquillante ma, come mostrato, per incidente o no, viene ucciso da Kyne.
  • In un momento portante del film, si riscontra l'ambigua capacità del Marker di poter allontanare i Necromorfi, quando invece nel gioco, leggendo dei testi di bordo, è possibile scoprire che l'artefatto non permette la riproduzione di Necromorfi in un certo raggio d'azione, ma comunque permette loro d'agire
  • Tra i tanti, v'è un grosso errore di continuità: tutte le navicelle di salvataggio vengono scagliate al di fuori della Ishimura, eppure Hammond riesce ad intrappolare un Necromorfo in una di esse durante il gioco, e a scagliarlo all'esterno.
  • Le pistole usate dai poliziotti usano proiettili convenzionali, mentre nel gioco si trovano soltanto armi ad energia.
  • Le lame al plasma, nel film funzionano come spade laser. Invece nel gioco sono come pistole.
  • Non si fa riferimento al punto debole dei necromorfi. Il loro punto debole è l'amputazione degli arti. Invece dei colpi sulla testa, il meccanico rosso dice soltanto che con le pistole non gli si fa nulla.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • La ragazza bionda che esita sotto al tavolo al momento del salvataggio di alcuni sopravvissuti da parte del capitano Vincent altri non è che Nicole, la fidanzata di Isaac Clarke in Dead Space.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]