Dauthdaert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Dauthdaert (plurale Dauthdaertya) è un'arma comparsa nel Ciclo dell'Eredità, la tetralogia fantasy creta da Christopher Paolini.

« [...]Le Dauthdaertya sono nate dalla paura e dall'odio che hanno segnato gli ultimi anni della nostra guerra contro i draghi.[...]I nostri fabbri più esperti e i nostri maghi più potenti le crearono con materiali che non conosciamo più, le impregnarono di incantesimi di cui non ricordiamo più le parole, e le battezzarono, tutte e dodici, con i nomi dei fiori più belli... un accostamento terribile e crudele, perché le fabricammo con un unico scopo: uccidere i draghi.[...] »
(Arya parlando delle Dauthdaert, Inheritance, Christopher Paolini, traduzione di Maria Concetta Scotto)

Pericolose armi comparse in Inheritance, le Dauthdaertya sono delle lance progettate dagli elfi per resistere ai draghi, sebbene questi restino comunque molto superiori e la loro magia avrebbe potuto spazzare via le Dauthdaert. Potevano sorpassare la maggior parte degli incantesimi di difesa e non potevano essere distrutte se non in casi estremi, con incantesimi molto potenti, come quelli con la forza dei draghi o degli Eldunarí.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

« [...]Nella mano sinistra il cavaliere impugnava quella che a prima vista Eragon scambiò per una normale lancia; subito dopo però notò che era fatta di uno strano materiale verde e aveva la lama munita da barbigli dalla forma inconsueta. Un fievole bagliore circondava la punta della lancia: una luce innaturale, che tradiva la presenza di magia. [...] »
(Inheritance, Christopher Paolini, traduzione di Maria Concetta Scotto)

L'unica Dauthdert comparsa nei libri di Paolini è Niernen (nell'antica lingua "Orchidea") e secondo Blöodhgram la famiglia Waldgrave l'aveva custodita a Belatona. Viene comunque spiegato che la lancia è l'arma più pericolosa di Alagaësia e avrebbe potuto sorpassare anche le difese di stregoni potenti. Re Grimmr, durante una consulta dei capi dei Varden, dice che Niernen è famosa ma non spiega il motivo.

Ruolo in Inheritance[modifica | modifica wikitesto]

La Dauthdaert in Inheritance non ha un ruolo fondamentale se non all'inizio e alla fine del romanzo. Infatti all'inizio viene scagliata contro Saphira da un cavaliere di Belatona, mentre alla fine viene utilizzata per uccidere, trapassandogli il cervello, Shruikan. Contro Galbatorix, però, la Dauthdaert non può nulla perché questo possiede moltissime e potentissime difese magiche alimentate dagli Eldunarí. La Dauthdaert viene distrutta nell'esplosione nucleare prodotta dal suicidio di Galbatorix, in quanto nemmeno i suoi incantesimi sono riusciti a proteggerla da un'esplosione così devastante.

Ciclo dell'Eredità Portale Ciclo dell'Eredità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ciclo dell'Eredità