Dannazione (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dannazione
Titolo originale Damned
Autore Chuck Palahniuk
1ª ed. originale 2011
1ª ed. italiana 2011
Genere romanzo
Sottogenere bangsian fantasy, commedia nera, satira, bizarro fiction
Lingua originale inglese
Ambientazione inferno
Protagonisti Madison Spencer
Altri personaggi Babette, Leonard, Patterson, Archer
Serie La serie di Madison[1]
Seguito da Sventura

Dannazione (Damned) è un romanzo fantasy dello scrittore statunitense Chuck Palahniuk, pubblicato nel 2011.

Nel 2013 l'autore ha pubblicato il sequel del romanzo, intitolato Sventura (Doomed).

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è vagamente ispirato ai lavori della scrittrice Judy Blume e in particolare a Are You There, God? It's Me, Margaret., come appare evidente dagli incipit di ogni capitolo di Dannazione:[2]

(EN)

« Are you there, Satan? It's me, Madison.[3] »

(IT)

« Mi sente, Satana? Sono io, Madison.[4] »

(Chuck Palahniuk, Dannazione)

La narrazione segue le vicende della protagonista Madison e di altri quattro adolescenti i cui caratteri principali si ispirano ai personaggi del film Breakfast Club, più volte citato nel romanzo.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« La morte, proprio come la vita, è ciò che ciascuno decide di farne. »
(Chuck Palahniuk, Dannazione[4])

La storia è narrata in prima persona da Madison Spencer, una ragazza tredicenne ironica, cinica e sovrappeso che si ritrova all'inferno, convinta di essere morta a causa di una overdose di marijuana. Negli inferi fa presto conoscenza con altri quattro adolescenti, il colto Leonard, l'atletico Patterson, la vanesia Babette e il punk Archer con i quali inizia a esplorare l'aldilà; tutti loro, così come la maggior parte dei dannati, sono stati condannati all'inferno per futili motivi ad esempio per aver suonato il clacson o gettato in terra un mozzicone di sigaretta di troppo. Madison racconta gli ultimi istanti di vita, trascorsi con il fratellastro Goran, uno dei tanti ragazzi adottati dalla madre, una famosa attrice post hippie e dal padre, ricco e anche lui alternativo. Madison scopre di non essere morta per l'abuso di droga, ma di essere stata uccisa per sbaglio durante un'asfissia erotica da Goran. Madison inizia a esplorare il bizzarro mondo infernale con i suoi amici, diventando una guida spirituale per migliaia di dannati.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) John Clute, David Langford e Peter Nicholls (a cura di), Chuck Palahniuk, in The Encyclopedia of Science Fiction, III edizione online, 2011-2015.
  2. ^ a b (EN) Justine Jordan, Damned by Chuck Palahniuk – review, su The Guardian, 7 ottobre 2011. URL consultato il 2 giugno 2017.
  3. ^ Palahniuk (2011, Cape)
  4. ^ a b c Palahniuk (2011, Mondadori)

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]