Daniele Molgora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daniele Molgora

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Economia e delle Finanze
Durata mandato 11 giugno 2001 –
17 maggio 2006
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Giorgio Macciotta
Successore Mario Lettieri

Durata mandato 12 maggio 2008 –
20 maggio 2010
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Mario Lettieri
Successore Sonia Viale

Presidente della Provincia di Brescia
Durata mandato 8 giugno 2009 –
13 ottobre 2014
Predecessore Alberto Cavalli
Successore Pier Luigi Mottinelli

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XII, XIII, XIV, XVI
Coalizione PdL - LN - MpA
Circoscrizione Lombardia 2
Incarichi parlamentari
  • IV Governo Berlusconi: Sottosegretario di Stato all'Economia e alle Finanze (2008-2010)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord
Titolo di studio Laurea in economia e commercio
Professione dottore commercialista
Daniele Molgora

Daniele Molgora (Brescia, 2 aprile 1962) è un politico italiano.

Alla sua quarta legislatura da deputato, ha ricoperto fino al 20 maggio 2010 la carica di Sottosegretario al Ministero dell'economia e delle finanze.

Molgora si è laureato in Economia e Commercio all'Università di Brescia e ha esercitato la professione di commercialista dal 1986.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1990 è iscritto alla Lega Nord.

È stato consigliere al Comune di Brescia (1991-1994 e 2003-2004) e alla Provincia di Brescia (1999-2002).

Deputato (1994-2006, dal 2008)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 viene eletto alla Camera dei deputati nel collegio della Franciacorta; viene poi riconfermato nel 1996, 2001 e 2008.Ha ricoperto il ruolo di vicecapogruppo della Lega Nord alla Camera nel 1996.

La sua attività di deputato, rivolta soprattutto alla materia fiscale, ha contribuito all'abolizione della bolla di accompagnamento, a diverse semplificazioni I.V.A. per gli esportatori, e all'introduzione nello Statuto del Contribuente del limite massimo di 30 giorni per la durata delle verifiche in azienda da parte della Guardia di Finanza[1].

Molgora è uno dei 26 parlamentari o ex parlamentari che ha deciso di ricorrere contro la Camera dopo la decisioni del passaggio per il vitalizio al sistema contributivo e l'aumento dell'età per ottenerlo.[2]

Sottosegretario all'Economia (2001-2006, 2008-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 al 2006 è stato Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Economia e delle Finanze con delega al trattamento delle questioni concernenti le entrate tributarie erariali assegnate alla competenza dell'Agenzia delle Entrate (assistenza ai contribuenti, controlli diretti a contestare gli inadempimenti e l'evasione fiscale, federalismo fiscale)[1].

È stato riconfermato nella posizione nel governo Berlusconi IV del 2008.

Ha condotto battaglie di primaria importanza per la Lega Nord, contribuendo, in primis, a scrivere la Legge sul federalismo fiscale assieme a Calderoli e Tremonti.[3]

Presidente della Provincia di Brescia (2009 - 2014)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 fu eletto Presidente della Provincia di Brescia per PdL e Lega. La composizione della giunta provinciale presentava sei assessori del PdL e cinque del Carroccio.

Come diverse altre provincie in Italia, l'amministrazione bresciana di Molgora ha varato nel 2009 un “pacchetto anti-crisi"[4], a favore di piccole e medie imprese[5], artigiani, famiglie e lavoratori in difficoltà, che ha promosso facilitazioni di accesso al credito, accordi con le banche, bonus e la rateizzazione delle bollette di energia elettrica e gas.[6]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Durante i primi anni di Presidenza della Provincia di Brescia, critiche sui principali quotidiani si sono sollevate a causa del triplo incarico di: deputato, sottosegretario all'economia, e presidente della provincia.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Daniele Molgora sul sito della Lega Nord
  2. ^ Sui vitalizi 26 ricorsi, 15 della Lega, in Il Sole 24 Ore, 3 febbraio 2012. URL consultato il 3 febbraio 2012.
  3. ^ [1][collegamento interrotto]"Molgora, il federalista esperto di numeri e tasse", Bresciaoggi 10 giugno 2009
  4. ^ [2]"Arrivano 2.660 voucher anti-crisi", Giornale di Brescia 20 ottobre 2009
  5. ^ [3]"Alle imprese 300 milioni", Giornale di Brescia 1º novembre 2009
  6. ^ [4]"Rateizzazione delle bollette, si parte", Bresciaoggi 13 gennaio 2009
  7. ^ [1] "Tre poltrone per il leghista molgora", Repubblica 13 gennaio 2010

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]