Cubburo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cubburo nel comune di Raccuja

Il cùbburo è un piccolo edificio in pietre a secco, diffuso in Sicilia e in particolare nella zona dei monti Nebrodi e dei monti Iblei. I cubburi, altrimenti detti casotti, capanni a thòlos, cubi o cube (termini di origine araba), venivano anticamente costruiti nelle zone destinate a pascolo ed erano utilizzati per il ricovero dei pastori. Sono particolarmente diffusi nei comuni di Montalbano Elicona (Monte Castellazzo), San Piero Patti (contrada Taffuri), Raccuja, Floresta, Roccella Valdemone, Tripi; e nella zona iblea a Militello in Val di Catania (C.da Catalfaro).

La costruzione ricorda molto i nuraghi della Sardegna o i trulli pugliesi, e oltre ad essere architettonicamente simile, era costruita con le stesse finalità delle “caciare” marchigiane o dei dammusi della Sicilia sud-orientale. Generalmente costruiti a ridosso di un muretto a secco o di un riparo naturale, i cubburi sorgono su terreni con leggere pendenze. La loro costruzione non richiedeva impiego di malta, ma solo di pietre a secco. La costruzione era solida e capace di resistere ad intemperie, incendi o altre calamità.

I primi cubburi furono edificati già nell'età megalitica,[senza fonte] ma utilizzati e costruiti fino ai primi anni del Novecento.

Etimologia del termine[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di cubburo con rinfianco nella parte superiore. La pseudocupola è poco visibile.

La parola “Cubburo” deriva dal latino “cubescere”, ovvero dormire in posizione raccolta. In età megalitica, le sepolture avvenivano con la posa di un dolmen. A causa delle difficoltà nella realizzazione di questo tipo di sepoltura, si iniziò a tumulare i defunti sotto un semplice cumulo di pietre. In seguito, si iniziò a costruire tombe a tholos, con il vantaggio di non far gravare il peso dei ciottoli sulla salma. Inoltre, queste strutture erano di semplice costruzione ed era facile reperire i materiali occorrenti. Questo tipo di edificio fu successivamente utilizzato per altri scopi e quindi anche con finalità di rifugio.

Non si può escludere, d'altra parte, che il termine "cùbburo" possa essere una variante (o storpiatura) del termine di origine araba "cubo" o "cuba" con cui si indicano a volte queste costruzioni (v. sopra) e che potrebbe indicare la cùpola (cfr. la Cuba di Palermo); di conseguenza "cùbburo" potrebbe anche essere, infine, storpiatura della parola "cùpola", tratta dal Latino.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di cubburo senza rinfianco nella parte superiore. È più facile notare la pseudocupola.
Schema della copertura di un Cubburo

La struttura architettonica è a pianta circolare, talvolta quadrangolare. A partire dalla base, i blocchi di pietra sono disposti in modo concentrico, in modo che ogni fila sostenga quella superiore. La costruzione termina con una pseudocupola, che assunse una forma simile ad una spirale durante la dominazione araba. L'ingresso, costituito da una porta con sistema trilitico, è generalmente slargato verso l'esterno. In qualche caso, si presenta basso e stretto. La struttura è di altezza variabile. I primi cubburi erano di dimensioni ridotte, ma con il passare del tempo ne furono costruiti di più grandi a scopo abitativo, provvisti anche di cisterne. Attraverso i secoli, si modificarono, in parte, le tecniche costruttive, ma la struttura restò molto simile a quella iniziale.

Studi e iniziative sui cubburi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 25 giugno 1995, nella sala consiliare del comune di Raccuja, si è svolto il convegno "Archeologia al sole – Le Tholos "costruite" in Sicilia".
  • Nel 2007, il consorzio intercomunale “Tindari-Nebrodi”, ha redatto un progetto per il recupero dei cubburi.
  • Tholosfestival, manifestazione d'arte, prima edizione anno 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaetano Maurizio Pantano, Megaliti di Sicilia
  • Pietro Imbornone, Demetra, semestrale di architettura e arte, dicembre 1994, nº 7
  • Pietro Imbornone, Atti del Convegno Internazionale di studi “Il recupero degli edifici antichi”. Napoli, ottobre 1993

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]