Crispiero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Crispiero di Castelraimondo)
Jump to navigation Jump to search
Crispiero
frazione
Crispiero – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Marche.svg Marche
ProvinciaProvincia di Macerata-Stemma.png Macerata
ComuneCastelraimondo-Stemma.png Castelraimondo
Territorio
Coordinate43°11′53″N 13°05′50″E / 43.198056°N 13.097222°E43.198056; 13.097222 (Crispiero)Coordinate: 43°11′53″N 13°05′50″E / 43.198056°N 13.097222°E43.198056; 13.097222 (Crispiero)
Altitudine611 m s.l.m.
Abitanti176[2] (2011)
Altre informazioni
Cod. postale62022
Prefisso0737
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Crispiero
Crispiero

Crispiero è una frazione del comune di Castelraimondo, in provincia di Macerata.

È situata a 611 metri sul livello del mare ed a 6 km dal capoluogo. Nel territorio si possono ammirare un castello di epoca medievale[3] e due torri di avvistamento, chiamate Famula e Guardia, della stessa epoca del castello in quanto con esso facenti parte di un sistema fortificato che si estendeva dai Monti Sibillini alla valle dei fiumi Potenza e Chienti.[4] Vi si possono trovare anche abitazioni di epoca medievale di rilevante interesse.[3] Celebre per la devozione verso le anime del Purgatorio, dal 1200 la tradizione popolare sostiene che nel paese sia nascosta la porta d'ingresso del Purgatorio; tale fatto alimentò la credenza di un purgatorio separato solo per le anime dei defunti del luogo, il "Purgatorio di Crispiero".

Panorama invernale di Crispiero.

In questa frazione ebbero i natali il genetista Nazareno Strampelli e il compositore Ugo Bottacchiari.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FRAZIONI DEL COMUNE DI CASTELRAIMONDO, su www.comuniecitta.it. URL consultato il 10-20-2019.
  2. ^ [1]
  3. ^ a b http://www.domosum.it/it/Castelraimondo.aspx
  4. ^ http://www.cultura.marche.it/CMDirector.aspx?id=2396
  5. ^ Nazareno Strampelli, su nazarenostrampelli.it. URL consultato il 22 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2011).
Marche Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Marche