Corrado I di Polonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corrado I
Konrad I Mazowiecki.jpg
Corrado I, opera di Jan Matejko
Granduca di Polonia
In carica 1229 - 1232 (I)
1241 - 1243 (II)
Predecessore Ladislao III (I)
Enrico II (II)
Successore Enrico I (I)
Boleslao V (II)
Dinastia Piast
Padre Casimiro II
Madre Elena di Znojmo

Corrado I di Polonia (in polacco: Konrad I Mazowiecki; 11871247) è stato il sesto duca di Masovia dal 1200 fino alla morte e granduca di Polonia dal 1229 al 1232 e dal 1241 al 1243. Durante la sua vita si trovò coinvolto nelle dispute con altri parenti per il titolo di Granduca di Polonia, che garantiva il dominio dei vari ducati (tra cui quello di Masovia) ma anche nel conflitto con le popolazioni pagane prussiane che vivevano sulle coste baltiche e che coinvolse l'Ordine teutonico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Corrado era l'ultimo figlio di Casimiro II (1138 – 1194) detto "il Giusto" che era stato granduca di Polonia dal 1177 al 1194 e di Elena di Znojmo (c. 1141 – 1202/1206), principessa boema, della dinastia dei Přemyslidi.

Dopo la morte di suo padre nel 1194, Corrado fu allevato da sua madre, che agì per alcuni anni come reggente del ducato di Masovia. Verso la fine del XII secolo Corrado ricevette la Masovia e nel 1205 anche le terre adiacenti della Cuiavia.

Il conflitto con i Prussiani[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Crociata prussiana.

Nel tentativo di allargare i suoi domini, Corrado tentò senza successo di conquistare le adiacenti terre pagane di Chełmno, nella regione abitata dai prussiani durante una crociata del 1209 con il consenso di Papa Innocenzo III. Nel 1215, il monaco Cristiano di Oliwa fu nominato vescovo missionario tra gli antichi prussiani, ma la sua residenza a Chełmno fu devastata dalle forze prussiane l'anno successivo. Diverse altre campagne nel 1219 e 1222 fallirono, mentre Corrado sollevava una disputa di confine a lungo termine con le tribù prussiane.

Ai tentativi del duca di conquistare la Prussia fu data risposta da incursioni oltre i confini delle sue terre masoviane, mentre i prussiani stavano riprendendo il controllo sulla Zona di Chełmno e minacciarono persino la residenza di Corrado al castello di Płock. Sottoposto a continue incursioni prussiane ma attuando contro-incursioni, Corrado cercò di stabilizzare il nord del suo ducato di Masovia in questo combattimento sulla zona di confine di Chełmno.

Nel 1226 Corrado arruolò l'Ordine Teutonico per proteggere la Masovia e per convertire i prussiani al Cristianesimo. I cavalieri avevano già sostenuto il Regno di Ungheria nella lotta contro il popolo dei Cumani dal 1211 al 1225 ma quando dissero che l'Ordine era, in primo luogo, responsabile nei confronti del papa, i Cavalieri furono espulsi dal re ungherese Andrea II. Di conseguenza, il Gran Maestro Herman di Salza voleva che i suoi diritti nei confronti di Corrado fossero chiariti in anticipo, mediante un accordo che doveva essere confermato dal Sacro Romano Impero e dalla Curia Romana. Inizialmente Corrado volle essere prudente nei confronti delle pretese dell'Ordine e guidò contro i prussiani le truppe dell'Ordine di Dobrzyń, costituito su suggerimento del vescovo Cristiano di Prussia (noto anche come Cristiano di Oliwa) nelle aree della odierna Polonia orientale.[1]

In questa "crociata prussiana" Corrado fu nuovamente sconfitto. Presumibilmente in vista di un'imminente invasione prussiana, Corrado firmò il Trattato di Kruszwica nel 1230, con cui concedeva la Terra di Chełmno ai Cavalieri Teutonici. Con questa donazione Corrado stabilì il nucleo dello Stato dell'Ordine Teutonico. Tuttavia non si possiede questo documento(è noto solo per riferimenti ad esso presenti in altri documenti) e alcuni ritengono che non sia mai stato firmato e che l'Ordine lo abbia inventato [2].

Ad ogni modo i Cavalieri al comando di Hermann Balk attraversarono il fiume Vistola e presero possesso della Terra di Chełmno, erigendo il castello di Toruń (Thorn) nel 1231. Nel 1234, Papa Gregorio IX emise la Bolla d'oro di Rieti, confermando accordi precedenti con i Cavalieri Teutonici e affermando che la terra dell'Ordine era soggetta solo al Papa, e non era feudo di alcuno. Nel 1237, le terre dell'Ordine furono confiscate da Corrado ma la Terra di Chełmno costituì la base dello Stato Monastico dei Cavalieri Teutonici e la sua successiva conquista della Prussia orientale. Nei decenni successivi si acuì sempre maggiormente il dissidio tra l'Ordine e il Regno di Polonia.

Le lotte per il titolo di Granduca[modifica | modifica wikitesto]

Corrado fu anche coinvolto nel conflitto sulla "Provincia del Senior" con suo cugino Ladislao III Laskonogi, duca della Grande Polonia (Piast anch'egli) e assunse il titolo di Granduca di Polonia nel 1229. Tuttavia il loro parente, il Duca Enrico I il Barbuto alla fine prevalse come Granduca a Cracovia nel 1232 e confinò nuovamente il dominio di Corrado alla regione della Masovia. Quando il figlio ed erede di Enrico, il Granduca Enrico II il Pio fu ucciso nella battaglia di Legnica del 1241, Corrado assunse ancora una volta il titolo del senior, ma dovette cedere alle rivendicazioni sollevate da suo nipote Boleslao V il Casto, figlio del fratello maggiore Leszek, due anni dopo.

Per quanto riguarda il ducato di Masovia-Cuiavia, nel 1231 Corrado I staccò la Cuiavia come ducato indipendente per il figlio Casimiro (1211-1267). Nel 1233 anche la parte settentrionale del ducato di Masovia fu separata dal resto della regione e offerta al figlio maggiore, Boleslao I (1208-1248), che riunì nuovamente nelle sue mani il ducato alla morte del padre nel 1247.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Corrado sposò Agafia di Rus ed ebbero dieci figli:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Ladislao Herman di Polonia Casimiro I di Polonia  
 
Maria Dobronega  
Boleslao III di Polonia  
Giuditta di Boemia Vratislao II di Boemia  
 
Adelaide d'Ungheria  
Casimiro II di Polonia  
Enrico di Berg Poppone di Roggenstein e Berg  
 
Sofia Arpad d'Ungheria  
Salomea di Berg  
Adelaide di Mochental Diepoldo II di Vohburg  
 
Liutgarda di Zähringen  
Corrado I di Polonia  
Liutpoldo di Znojmo Corrado I di Boemia  
 
Wirpirk di Tengling  
Corrado II di Znojmo  
Ida di Babenberg Leopoldo II di Babenberg  
 
Ida di Formbach-Ratelnberg  
Elena di Znojmo  
Uroš I di Serbia Vukan di Serbia  
 
?  
Maria di Serbia  
Anna Diogene Constantino Diogene  
 
Teodora Comnena  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fratelli di Dobrzyn a cura di Oratores e Bellatores, link verificato il 2 novembre 2019.
  2. ^ Max Perlbach: The oldest Prussian documents. Critically examined, in: Old Prussian monthly. (1873), pp. 609–649.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Granduca di Polonia Successore POL Przemysł II 1295 COA.svg
Ladislao III 1229-1232 Enrico I
Predecessore Granduca di Polonia Successore POL Przemysł II 1295 COA.svg
Enrico II 1241-1243 Boleslao V
Controllo di autoritàVIAF (EN267941189 · LCCN (ENn2009016805 · GND (DE119383403 · CERL cnp00554415 · WorldCat Identities (ENlccn-n2009016805
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie