Corderia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vista prospettica della Corderia Reale a Rochefort, Francia
La Corderia dell'Ammiragliato (Admiraliteitslijnbaan) sul Canale Orientale (Oostenburgergracht), Amsterdam
L'edificio della Corderia Vittoriana a Chatham, Regno Unito
Cordaio all'opera, Sec. XVII

La corderia è, specialmente in ambito marittimo (ma non solo), sia un opificio che un magazzino per la produzione e conservazione di cavi e minutenze in fibra vegetale, animale o sintetica, necessari all'allestimento delle navi e utile al loro armamento velico come biscagline, cavi, cime, gomene, griselle, sagole, sartie ecc. che nel loro complesso formano il "cordame".

L'edificio della corderia è spesso parte integrante dei cantieri navali e arsenali marittimi.

Corderie storiche[modifica | modifica wikitesto]

Lo Stabilimento militare produzione cordami di Castellammare di Stabia, fondata da re Ferdinando IV di Napoli nel 1796, è la corderia italiana di più lunga tradizione ancora in attività.[1] In Francia, la grande Corderie Royale a Rochefort, voluta nel 1666 da Jean-Baptiste Colbert e progettata da François Blondel, venendo terminata nel 1669, è ora un vasto complesso museale nel cuore dell'arsenale marittimo. Nel Regno Unito, la Victorian Ropery (Corderia Vittoriana) presso il cantiere navale di Chatham è rimasta l'unica delle quattro della Royal Navy ad essere ancora in attività[2][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]