Conferenza di Arcadia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Conferenza di Arcadia
Tema Strategia da adottare a grandi linee nella lotta contro l'Asse
Partecipanti Winston Churchill, Franklin Delano Roosevelt e relativi staff
Apertura 22 dicembre 1941
Chiusura 14 gennaio 1942
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Località Washington D.C.
Esito maggiore impegno bellico nei confronti della Germania
Seconda Conferenza di Washington Right arrow.svg

La conferenza di Arcadia è stata una serie di riunioni tra lo Stato Maggiore Inglese, rappresentato da Winston Churchill, e lo stato maggiore americano, rappresentato da Franklin Delano Roosevelt, tenutesi dal 22 dicembre 1941 al 14 gennaio 1942 a Washington D.C..

Punto focale degli incontri era il dibattito sulla strategia da adottare a grandi linee nella lotta contro l'Asse. La conferenza vide il trionfo della linea Germany first, ovvero di un maggiore impegno bellico nei confronti della Germania; tale linea era particolarmente caldeggiata dall'Inghilterra, che un anno prima aveva resistito con non poca fatica alla tentata invasione delle proprie coste (la famosa operazione Leone marino). Roosevelt acconsentì a questa politica, sebbene il bombardamento di Pearl Harbor, avvenuto due settimane prima, avrebbe potuto far pensare ad un maggiore coinvolgimento dell'America nel Pacifico..

L'Unione Sovietica, che in contemporanea alla Conferenza viveva i giorni più difficili (ma vittoriosi) della battaglia di Mosca, non esitò a sottoscrivere la dichiarazione.

La conferenza di Arcadia si rivelò un ulteriore passo avanti per la creazione dell'ONU.

Staff dei capi di stato[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiali britannici
Ammiraglio della flotta, Sir Dudley Pound, Primo lord del mare e Capo di Stato maggiore della Marina
Maresciallo di campo Sir John Dill
Maresciallo capo dell'aria Sir Charles Portal, Capo di Stato maggiore dell'Aeronautica
Ammiraglio Sir Charles Little, membro dello Stato maggiore generale
Tenente generale Sir Colville Wemyss, membro dello Stato maggiore generale
Maresciallo dell'aria Arthur Travers Harris, membro dello Stato maggiore generale
Ufficiali navali statunitensi
Ammiraglio H. R. Stark, Comandante delle operazioni navali
Ammiraglio E. J. King, Comandante in capo della flotta degli Stati Uniti
Contrammiraglio F. J. Horne, Assistente capo delle operazioni navali
Contrammiraglio J. H. Towers, capo del Bureau of Aeronautics
Contrammiraglio R. K. Turner, Direttore della Divisione Piani di guerra
Maggior Generale Thomas Holcomb, Comandante del Corpo dei Marines
Ufficiali dell'United States Army
Generale George C. Marshall, Comandante Generale delle Forze di Terra e Capo di stato maggiore dell'Esercito degli Stati Uniti
Tenente generale [Henry Arnold|[H. H. Arnold]], capo dell'United States Army Air Forces e vice Capo di stato maggiore dell'Esercito degli Stati Uniti
Brigadiere generale L. T. Gerow, Capo della Divisione Piani di guerra
Segreterie congiunte
Capitano J. L. McCrea, assistente del Capo delle operazioni navali
Tenente Colonnello P. M. Robinett, G-2, Quartier generale, Esercito degli Stati Uniti
Maggiore W. T. Secton, Assistente Segretario, Dipartimento della Guerra degli Stati Uniti

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]