Comunicazione interculturale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La comunicazione interculturale è una forma di dialogo tra culture diverse, e comprende tutte quelle risorse che consentono uno scambio comunicativo efficace tra parlanti provenienti da paesi aventi linguaggi differenti. A livello individuale offre la possibilità di arricchire il proprio bagaglio culturale attraverso la conoscenza di tradizioni, usi e costumi differenti da quelli della società in cui si vive abitualmente e si svolgono le attività legate alla quotidianità, a livello statale comprende principalmente la collaborazione reciproca e la condivisione di accordi.

La globalizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni questa forma di comunicazione ha assunto sempre più importanza grazie soprattutto ai processi di globalizzazione. La collaborazione e il dialogo tra culture diverse ha subito una notevole espansione, a livello locale, [1], a livello nazionale, con iniziative volte a favorire l'integrazione degli immigrati, e a livello internazionale, attraverso la costituzione di enti e istituzioni [2] che hanno come obiettivo la cooperazione tra stati, culture e lingue, diversi tra loro. Negli ultimi anni il multiculturalismo e l'idea di stabilire contatti con persone provenienti da paesi stranieri, spesso con tradizioni culturali, sociali e religiose differenti dalle proprie, si è sviluppata grazie anche all'avvento del web, della posta elettronica e dei social network, tutti strumenti che permettono di stabilire contatti tra individui che vivono anche molto distanti tra loro.

I problemi di comunicazione (miscommunication)[modifica | modifica wikitesto]

I problemi di comunicazione sorgono quando tra due individui di culture diverse avviene un fraintendimento che causa il mancato raggiungimento del contenuto della comunicazione. Il malinteso che può stabilirsi tra persone che parlano lingue differenti, e soprattutto che non condividono la stessa cultura, è un episodio molto frequente nell'ambito della comunicazione interculturale. Spesso i soggetti coinvolti nella comunicazione non si accorgono del fraintendimento finché si rendono conto di un'avvenuta mancata comprensione. Nell'ambito dei problemi di comunicazione, la negoziazione interculturale è la disciplina che si occupa di come, persone che provengono da culture diverse, possano agire strategicamente per ridurre il grado di incomprensione reciproca (misunderstanding) inerente alla stipula del trattato, e di mancata accettazione, dovuta ad ideologie e valori diversi, applicando tecniche di empatia interculturale strategica [3]. Le categorie di differenziazione culturale proposte da Geert Hofstede sono tra gli strumenti più utilizzati per individuare e anticipare le specifiche differenze tra culture diverse.

La competenza comunicativa[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Competenza interculturale.

La competenza comunicativa è un'abilità che permette di stabilire quale sia la strategia migliore per conseguire il fondamentale obiettivo di far comprendere ciò che vogliamo esprimere al soggetto di cultura o lingua diversa dalla nostra, con il quale stiamo interagendo. Il raggiungimento dell'obbiettivo comunicativo si verifica nel momento in cui il nostro interlocutore decodifica il messaggio che gli abbiamo inviato attraverso i diversi mezzi di cui disponiamo per comunicare. Spesso quest'abilità comprende anche l'uso di un linguaggio politicamente corretto, poiché gli argomenti trattati e i termini utilizzati non dovrebbero contenere espressioni discriminatorie, soprattutto in un contesto in cui si ha a che fare con ideologie differenti.

La multietnicità[modifica | modifica wikitesto]

Spesso interculturalità è sinonimo di multietnicità, poiché la comunicazione e la collaborazione tra individui, associazioni o stati con culture diverse non avviene solo a distanza, ma si verifica anche all'interno di una stessa società multietnica, che comprende cioè, soggetti provenienti da stati diversi e che convivono all'interno dello stesso territorio. La multietnicità è un fenomeno osservabile soprattutto all'interno delle grandi città, dove sempre più spesso vivono persone provenienti da paesi molto diversi e lontani tra loro. Quando si parla di multietnicità e di interculturalità ci si riferisce ad ambiti molto estesi che coinvolgono cultura, religione, lingua, usanze e orientamenti giuridici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per esempio attraverso la solidarietà reciproca delle comunità di diverse etnie spesso presenti nelle grandi metropoli.
  2. ^ Ad esempio l'Onu.
  3. ^ Trevisani, Daniele (2005). Negoziazione interculturale. Comunicazione oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali, Milano, Franco Angeli. 4a ristampa 2014. ISBN 9788846466006

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Boni F., Sociologia della comunicazione interpesonale, Bari, Laterza, 2007.
  • Balboni P. E., Parole comuni, culture diverse. Guida alla comunicazione interculturale, Marsilio, 1999.
  • Perrone F., Comunicazione interpersonale; UTET Università, 2006.
  • Trevisani, D. Negoziazione interculturale. Comunicazione oltre le barriere culturali, Milano, Franco Angeli, 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4033569-0
Sociologia Portale Sociologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sociologia