Chiesa di San Pancrazio (Roccascalegna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Pancrazio
Roccascalegna - Chiesa di San Pancrazio 02.jpg
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo
LocalitàRoccascalegna
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolarePancrazio martire
Arcidiocesi Lanciano-Ortona
Consacrazionedopo il 1205
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzione1205
CompletamentoXIII secolo
Sito webwww.sangroaventino.it/sezioni/-Roccascalegna/pagine.asp?idn=2098

Coordinate: 42°04′07.34″N 14°19′06.44″E / 42.068706°N 14.318455°E42.068706; 14.318455

La chiesa di San Pancrazio è sita presso il cimitero di Roccascalegna in provincia di Chieti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Particolare del portale

La chiesa sorge all'incirca nel XII secolo, nel territorio dell'allora diocesi del monastero di Santo Stefano sita nei dintorni di Tornareccio, questa chiesa consta feudataria di molti terreni nei dintorni. Un'iscrizione sulla facciata data la chiesa nel 1205.

Nel XVI secolo una descrizione la definisce una delle più importanti chiese della provincia di Chieti, infatti constava di un chiostro e di molte stanze.

Dell'attiguo monastero rimane qualche brandello. La chiesa invece conserva qualche resto del nucleo originario dopo recenti restauri.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'esterno[modifica | modifica wikitesto]

La facciata è a coronamento orizzontale ed ai lati vi sono dei contrafforti costituiti da conci.

Sul lato sinistro vi è un campanile, un tempo staccato dalla chiesa.

I muri sono realizzati con calcare e ciottoli alternati.

Il portale d'accesso è costituito da stipiti ed incoronato da architrave calcareo senza decorazioni. Nei pressi del portale vi sono un archivolto ed una lunetta.

Sul muro di destra si apre un portale secondario con decorazioni simili al portale principale.

L'interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno è suddiviso in 2 navate mediante pilastri con cornice-capitello.

Fra un pilastro e l'altro vi è un arco a sesto acuto.

La chiesa non presenta abside.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • W. Capezzali, C. Ciancu, L. Cuomo, Capitoli di Roccascalegna, Bucchianico 1996.
  • A. Di Loreto, Il Castello di Roccascalegna, storia e restauro, Teramo 1999.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]