Chiesa di San Maurizio (Mantova)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Maurizio
Mantova-Chiesa S. Maurizio.jpg
La facciata
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMantova
ReligioneCattolica
TitolareSan Maurizio
Diocesi Mantova
Stile architettonicobarocco
CompletamentoXVIII secolo

Coordinate: 45°09′21.42″N 10°47′19.1″E / 45.15595°N 10.78864°E45.15595; 10.78864

La chiesa di San Maurizio, sussidiaria della parrocchia di San Barnaba, è situata in Via Chiassi a Mantova.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu aperta al pubblico nel 1616. Il progetto e la supervisione dei lavori fu affidata dai Teatini, ordine religioso titolare dell'annesso convento, all'architetto Antonio Maria Viani, prefetto delle fabbriche ducali gonzaghesche. L'attuale facciata è del 1731. Durante l'occupazione francese la chiesa, precedentemente dedicata ai Santi Maurizio e Margherita, divenne, dal 1808 al 1814, parrocchia militare con il titolo non casuale di San Napoleone. Con il ritorno degli austriaci la chiesa acquistò l'intitolazione a San Maurizio e fu aggregata alla parrocchia di San Barnaba, la cui chiesa omonima si trova nella stessa via Chiassi. Nel 1957, anche in conseguenza dei danni prodotti dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, venne chiusa al culto.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'interno è a navata unica con tre cappelle per ognuno dei due lati e con una cupola ellittica. Ospita importanti quadri e tele secentesche di autori d'indubbio valore come Giuseppe Bazzani, Ludovico Carracci, Jacob Denys, Frans Geffels, Lorenzo Garbieri. Nella prima cappella a sinistra si trova la lapide che copriva la tomba di Giovanni delle Bande Nere, morto a Mantova nel 1526.

Qui venne sepolto Vincenzo II Gonzaga (†1627), settimo duca di Mantova.[1]

Opere d'arte[modifica | modifica wikitesto]

Tra i dipinti conservati nella chiesa di San Maurizio si segnalano:

  • Ludovico Carracci, Il Martirio di Santa Margherita, pala d'altare, (1616).
  • Frans Geffels, 'Esaltazione della Croce.
  • Jacopo Borbone, Annunciazione.
  • Lorenzo Garbieri, Martirio di Santa Felicita, (1580-1654).
  • Lorenzo Garbieri, Strage dei Figli di Santa Felicita.
  • Jacob Denys, sette grandi tele laterali del presbiterio, tra queste l'Apparizione della Madonna col Bambino ai Santi Margherita e Maurizio ed a i Beati dell'Ordine Teatino.
  • Autore incerto, Madonna con Bambino San Maurizio e Santa Margherita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rosanna Golinelli Berto. Associazione per i monumenti domenicani (a cura di), Sepolcri Gonzagheschi, Mantova, 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arte fede storia. Le chiese di Mantova e provincia, Roberto Brunelli - Gianfranco Ferlisi - Irma Pagliari - Giuseppina Pastore, Edizioni Tre Lune, Mantova (2004)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]