Chiesa di San Giuseppe (Chies d'Alpago)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Giuseppe
Chies d'Alpago.JPG
la chiesa e le case del paese
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàChies d'Alpago
ReligioneCristiana cattolica
TitolareSan Giuseppe
Diocesi Belluno-Feltre
Consacrazione1903

Coordinate: 46°09′54.85″N 12°23′32.54″E / 46.165237°N 12.392373°E46.165237; 12.392373

La chiesa di San Giuseppe è la parrocchiale di Chies d'Alpago, in provincia di Belluno e diocesi di Belluno-Feltre.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima menzione di un minuscolo sacello a Chies dedicato a San Giuseppe è da ricercarsi nella relazione della visita pastorale del 1577; questo fu sostituita da una chiesa vera e propria verso la fine del XVI secolo. Da un documento del 1637 s'apprende che detto edificio era molto semplice, ad un'unica navata, con pavimento e controsoffitto in legno, con un unico altare impreziosito da una pala con soggetto la Madonna tra i Santi Giuseppe, Felice e Margherita. A causa dell'aumento della popolazione, nel 1644 la chiesa venne riedificata con maggiori dimensioni. Verso la metà del XVIII secolo si ripropose lo stesso problema e nel 1743 si deliberò di rifarla completamente; i lavori terminarono nel 1770 e l'anno successivo fu eretta in curazia. L'edificio venne gravemente danneggiato dal terremoto del 1873 e si rese necessario un complesso lavoro di ristrutturazione; fu dichiarato di nuovo agibile nel 1877. Qualche anno dopo, più precisamente nel 1882, però, la chiesa si dimostrò poco solida a causa di un'imminente frana. L'attuale parrocchiale fu costruita nel 1903 e consacrata lo stesso anno; nel 1949 divenne parrocchiale.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La facciata presenta due lesene ai lati della stessa, un timpano con spioventi piuttosto pronunciati, una lapide sopra il portale con la scritta "Ecclesiam, DOM in honorem Deiparae Sponsi dicatam, ruina dirutam, patrum pietas ex integro condidit anno MCMIII" e due nicchie con altrettante statue in stile barocco, che potrebbero essere riconducibili allo scultore Alvise Tagliapietra, che operò tra Friuli e Veneto a cavallo dei secoli XVII e XVIII.[1]

L'opera d'arte più importante conservata all'interno della chiesa è l'altare laterale di destra, realizzato dal veneziano Antonio Ermolao Paoletti nel 1866 per volere di Valentino Chiesura.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Vizzutti, pp. 126-127.
  2. ^ Chiesa di San Giuseppe, su infodolomiti.it. URL consultato il 1º settembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]