Chiesa di San Francesco (Pietrasanta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa e convento di San Francesco
StatoItalia Italia
RegioneToscana
LocalitàPietrasanta
Coordinate43°57′43.88″N 10°13′41.71″E / 43.96219°N 10.228253°E43.96219; 10.228253
Religionecattolica di rito romano
TitolareSan Francesco d'Assisi
Arcidiocesi Pisa
Inizio costruzioneXVI secolo
CompletamentoXIX secolo

La chiesa di San Francesco, con l'annesso convento, è un edificio sacro di Pietrasanta.

La chiesa, con il convento annesso, fu fondata nel 1523. Fu ampliata nel Seicento quando furono edificati il loggiato antistante la chiesa, l'ala occidentale del convento, la cappella dedicata a Sant' Antonio da Padova (cui si accede da una porta a destra del loggiato) e la soprastante biblioteca conventuale. La navata e il coro furono infine ampliati nel XIX secolo.
Il campanile in mattoni risale al XVII secolo.

Fra le opere d'arte che arricchiscono la chiesa sono la Visione di Sant'Antonio da Padova di Orazio Fidani (metà del Seicento) e la pala con San Luigi re di Francia e i Santi Francesco di Paola ed Elisabetta di Ungheria (1700) di Anton Domenico Gabbiani.

Nel 1743-1744 il frate pittore Alberico Clemente Carlini vi realizzò due grandi tele con la Cacciata dei Mercanti dal tempio e "Gesù tra i dottori", otto tondi con Santi francescani e le Quattordici stazioni della Via crucis.

Attorno al 1830 Luigi Ademollo dipinse i Miracoli di Sant'Antonio da Padova nel loggiato, le Storie della vita di San Francesco nel chiostro ed Episodi della vita di Cristo e della Vergine nell'atrio del convento.

Sono, infine, da ricordare l'organo, di fattura seicentesca e poi restaurato e potenziato nel XIX secolo dal maestro pistoiese Agati, e le sculture in bronzo che ornano l'ambone e l'altare maggiore, opera degli artisti versiliesi Romano Cosci e Franco Miozzo.

Nel prato antistante la chiesa è collocata la scultura in bronzo San Francesco dello scultore americano Harry Marinsky, donata alla città nell'anno 2000.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]