Chiesa di Nostra Signora delle Clarisse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa delle Clarisse (FR) Notre-Dame aux Riches-Claires
(NL) Rijke Klarenkerk
Bruxelles, Église de N-D. aux Riches-Claires 01.jpg
StatoBelgio Belgio
RegioneFlag Belgium brussels.svgBruxelles-Capitale
LocalitàGreater coat of arms of the City of Brussels.svg Bruxelles
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Arcidiocesi Malines-Bruxelles
Consacrazione1670
ArchitettoLucas Faydherbe
Stile architettonicoRinascimentale
Inizio costruzione1665
Completamento1670

Coordinate: 50°50′49.61″N 4°20′48.16″E / 50.847113°N 4.346711°E50.847113; 4.346711

La chiesa delle Clarisse, in Francese Notre-Dame aux Riches-Claires, in Neerlandese Rijke Klarenkerk, è un edificio religioso della città di Bruxelles, in Belgio.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

l'interno
veduta con le volte e la cupola

Nel XIV secolo Willem van Duivenvoorde, tesoriere del conte Guglielmo I di Hainaut, fece costruire nei pressi della porta di Halle un convento. Nel 1343 le clarisse urbaniste, chiamate localmente riches-claires, vi si stabilirono. Tuttavia nel 1588 il convento venne bruciato dalla rivolta dei pezzenti. In seguito le suore si spostarono definitivamente in questo luogo, nel complesso abbandonato delle suore di Nazareth.

Le religiose decidono allora l'erezione di una nuova cappella, la cui prima pietra venne posta il 1º settembre 1665. Il progetto venne affidato al noto scultore e architetto Lucas Faydherbe da Mechelen, discepolo di Rubens. Concepì una struttura in stile rinascimentale che univa motivi architettonici decorativi italiani a motivi fiamminghi. La chiesa venne consacrata il 20 dicembre 1670 dall'appena eletto a nuovo arcivescovo di Mechelen Alphonsus de Berghes[1].

Con la Rivoluzione francese, nel 1796 le clarisse furono espulse dal convento. La chiesa divenne un magazzino militare e gli altri edifici conventuali furono venduti come beni nazionali. Le vie "Saint-Christophe" e "des Riches-Claires" furono tracciate sulle proprietà conventuali. Fortunatamente la chiesa eviterà la demolizione e vi vedrà ristabilire il culto nel 1806, quando divenne Parrocchia. Nell'ambito del suo nuovo ruolo l'edificio risultò ben presto troppo piccolo, così si provvide all'aggiunta delle navate laterali, quella sinistra nel 1824 e quella destra nel 1833.

Opere d'arte[modifica | modifica wikitesto]

  • L'altar maggiore è un'opera marmorea del 1706 che conserva la statua della Vergine di Nazareth del 1659.
  • Pulpito scolpito nel XVII secolo in legno di rovere, nel medaglione vi è rappresentata la scena del Discorso della Montagna.

Note e referenze[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guillaume Des Marez, Guide illustré de Bruxelles, volume II, Les monuments religieux, Bruxelles, ed. Touring Club de Belgique, 1928, p. 109-111.
  • Henne et Wauters, Histoire de Bruxelles.
  • Louis Verniers, Un millénaire d'histoire de Bruxelles, des origines à 1830, Bruxelles, 1965.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]