Charles Lawrance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charles Lanier Lawrance

Charles Lanier Lawrance (Lenox, 30 settembre 1882East Islip, 24 giugno 1950) è stato un ingegnere e imprenditore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Charles Lanier Lawrance nacque a Lenox (Massachusetts) figlio di Francis Cooper Lawrance Jr. (1858-1904) e della sua prima moglie, Sarah Eggleston Lanier (1862-1893).[1] Il nonno materno di Lawrance fu Charles D. Lanier (1837-1926), amico intimo di Pierpont Morgan.[2] Il bisnonno fu James F. D. Lanier (1800-1881), che fondò la Winslow, Lanier & Co. mentre la sorella di Lawrance, Kitty Lanier Lawrance (1893-1936), fu cresciuta dal nonno, essendo i genitori morti giovani.[3] Nel 1915, Kitty sposò W. Averell Harriman (1891-1986), Governatore di New York. Divorziarono nel 1928.[4] Il nonno paterno Francis Cooper Lawrance (1830-1911) era di Parigi e Pau (Francia).[3] Dopo la morte della madre nel 1893, il padre sposò Susan Ridgeway Willing. La sorella della Willing fu Ava Lowle Willing, che sposò John Jacob Astor IV.[1] Ebbero una figlia, Frances Alice Willing Lawrance, che sposò il principe Andrzej Poniatowski (1899–1977) dei Poniatowski nel 1919.[5] Nel 1885, lo zio paterno, Frances Margaret Lawrance, sposò George Venables-Vernon (1854–1898), il settimo barone Vernon.[6]

Lawrance si laureò alla Yale University nel 1905, membro della Wolf's Head.[1] Poco dopo divenne collaboratore di una azienda di automobili che presto fallì nel 1907. Si recò allora a Parigi, dove studiò architettura alla École des Beaux-Arts, sperimentando anche in aeronautica presso il laboratorio di Gustave Eiffel.[7]

Lawrance ritornò negli Stati Uniti nel 1914 e nel 1917 fondò la Lawrance Aero Engine Company.[8] Progettò il motore radiale aeronautico Lawrance J-1 raffreddato ad aria, predecessore dei motori Wright Whirlwind. I motori di questa serie permisero i voli di Richard Evelyn Byrd, Charles Lindbergh, Amelia Earhart e Clarence Chamberlin. Il volo di Lindbergh fu memorabile ma Lawrance rimase nell'ombra.[9]

Nel maggio 1923, la società di Lawrance fu acquisita dalla Wright Aeronautical.[10] Lawrance divenne vice presidente. Nel 1925, dopo che divenne presidente Frederick B. Rentschler, lasciò la società per la Pratt & Whitney, ove Lawrance rimpiazzò la presidenza.

Nel 1910, sposò Emily Margaret Gordon Dix, figlia del Rev. Morgan Dix (1827–1908), rettore del Trinity Parish.[11] Vissero al 153 di East 63rd Street,[12] inserito nel National Register of Historic Places Barbara Rutherford Hatch House,[13] assieme ai loro tre figli:

Lawrance morì il 24 giugno 1950.[7][21]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Bob Kerstein, Charles Lanier, Bank History, Central Trust Company of New York. URL consultato il 7 aprile 2016.
  2. ^ Vincent P. Carosso, Rose C. Carosso, "The Morgans" (Harvard University Press, 1987) p. 248
  3. ^ a b Staff, MISS LAWRANCE TO WED W. A. HARRIMAN Romance in Match of Late Railroad Magnate's Son and C. Lanier's Granddaughter. FIANCEE A SPORTS DEVOTEE Just Recovered from Injury Received While Horseback Riding with the Young Financier., The New York Times, 3 luglio 1915. URL consultato il 7 aprile 2016.
  4. ^ Mrs. W. Averell Harriman Dies; Former Governor's Wife Was 67, in New York Times, 27 settembre 1970. URL consultato il 17 febbraio 2015.
  5. ^ Staff, Frances Lawrance Asks 160,000-Franc Allowance to Wed Prince Poniatowski, The New York Times, 5 dicembre 1919. URL consultato il 7 aprile 2016.
  6. ^ Kidd, Charles, Williamson, David (editors). Debrett's Peerage and Baronetage (1990 edition). New York: St Martin's Press, 1990
  7. ^ a b The Editors of Encyclopædia Britannica, Charles Lanier Lawrance American aeronautical engineer, Encyclopædia Britannica. URL consultato il 7 aprile 2016.
  8. ^ Gunston, p. 125
  9. ^ Harry Bruno (1944) Wings over America, page 159, Halcyon Press
  10. ^ Gunston, p. 125, 244
  11. ^ Staff, MISS DIX TO BE A BRIDE. Daughter of Late Rector of Trinity to Wed Charles Lanier Lawrance., The New York Times, 5 aprile 1910. URL consultato il 7 aprile 2016.
  12. ^ a b Staff, TROTH ANNOUNCED OF MISS LAWRANCE New York Girl's Parents Make - Known Her Engagement to Drayton Cochran. MADE DEBUT 2 YEARS AGO Granddaughter of the Rev. Dr. Morgan Dix Fiancé a Graduate of Yale University., The New York Times, 23 ottobre 1933. URL consultato il 9 aprile 2016.
  13. ^ Hana R. Alberts, Spike Lee Wants 32 $M For UES Home With Celeb-Studded Past, in Curbed NY, Curbed NY, 13 novembre 2013. URL consultato il 9 aprile 2016.
  14. ^ a b FRELINGHUYSEN, EMILY LAWRANCE, The New York Times, 26 dicembre 2004. URL consultato il 7 aprile 2016.
  15. ^ Jennifer Bayot, Joseph S. Frelinghuysen, Memoirist of Wartime Escape, Dies at 92, in New York Times, 13 gennaio 2005. URL consultato il 1º luglio 2008.
    «Joseph S. Frelinghuysen, whose memoir, "Passages to Freedom," chronicled his escape from a prison camp in Italy during World War II, died on Saturday in Morristown, N.J. He was 92 and lived in Far Hills, N.J. The cause was pneumonia, said his daughter Barbara F. Israel.».
  16. ^ Joseph S. Frelinghuysen, 92, WWII POW, marathon runner, in The Star-Ledger, 11 gennaio 2005.
  17. ^ a b Deaths FROST, MARGARET, The New York Times, 19 marzo 2005. URL consultato il 9 aprile 2016.
  18. ^ (EN) Francis Cooper Lawrance, in Find a Grave.
  19. ^ Staff, Diane B. Sperandio Weds, The New York Times, 5 ottobre 1986. URL consultato il 9 aprile 2016.
  20. ^ Staff, Anne Dunn Bride Of F.C. Lawrance, The New York Times, 15 febbraio 1981. URL consultato il 9 aprile 2016.
  21. ^ C.L. LAWRANCE, 67, AN INVENTOR, DIES; Developed Wright Whirlwind Engine That Powered Noted Distance Plane Flights, in timesmachine.nytimes.com, The New York Times. URL consultato il 9 aprile 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bill Gunston, World Encyclopedia of Aero Engines, 5th Edition, Phoenix Mill, Gloucestershire, England, UK, Sutton Publishing Limited, 2006, ISBN 0-7509-4479-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2024239 · ISNI (EN0000 0000 5031 7146 · LCCN (ENno89012332 · WorldCat Identities (ENlccn-no89012332