Celio Magno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Celio Magno (Napoli ?, 12 maggio 1536Venezia, 6 aprile 1602) è stato un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre era il letterato veneziano Marcantonio. Cittadino originario, era stato esiliato dalla Serenissima nel 1502 per crimini contro la religione. Dopo aver viaggiato in Francia, Germania e Spagna, si stabilì a Napoli dove fu al servizio dei Carafa come oratore. Nel 1526, grazie alla mediazione di Carlo V e di Andrea Carafa, fu graziato dal senato veneziano e tornò in laguna con la famiglia attorno al 1543.

Compì studi giuridici e fu poi diplomatico e segretario del Consiglio dei Dieci e del Senato veneziano. I suoi incarichi pubblici lo portarono a viaggiare spesso, in Dalmazia, Spagna, Siria.

Fece parte del circolo letterario di Domenico Venier e fu in contatto coi principali poeti e letterati veneti dell'epoca.

I suoi lavori poetici vennero pubblicati nel 1600 congiuntamente a quelli dell'amico Orsatto Giustinian, sotto il titolo complessivo di Rime di Celio Magno e Orsatto Giustinian. Tra i temi cari al Magno vi sono la morte, gli affetti familiari e l'amore per la sua patria veneta.

Scrisse inoltre il libretto Trionfo di Cristo, ispirato dalla vittoria a Lepanto della Lega Santa nel 1571.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN67397610 · ISNI (EN0000 0000 6143 900X · SBN IT\ICCU\BVEV\054904 · LCCN (ENnr00036459 · GND (DE124377297 · BNE (ESXX5164027 (data) · BAV (EN495/233120 · CERL cnp01236684 · WorldCat Identities (ENlccn-nr00036459