Cavolo di Pechino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cavolo di Pechino
Starr 070730-7855 Brassica rapa.jpg
Mazzi di cavolo di Pechino
Origini
Altri nomipe tsai
Luogo d'origineCina Cina
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
SettoreProdotti vegetali

Il cavolo di Pechino, anche noto come pe tsai[1], è una cultivar di Brassica rapa tipicamente cinese coltivata anche in alcuni paesi dell'Europa, tra cui la Polonia. È poco diffuso in Italia[2].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una pianta biennale con foglie quasi bianche, intere e che formano una testa allungata. Lo scapo fiorale compare il secondo anno e porta fiori gialli raggruppati in spighe. I frutti sono delle silique che racchiudono piccoli semi neri di forma sferica.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Pe-tsai sottoaceto

Il cavolo di Pechino viene consumato in vari modi, sia cotto (ad esempio in brodo o stufato) che crudo, oppure anche previa fermentazione. Si usa anche, assieme ad altri ingredienti, nel ripieno di varie preparazioni come i classici jiaozi (ravioli al vapore).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) John Vaughan e Catherine Geissler, Oriental leaf vegetables, in The New Oxford Book of Food Plants, Oxford, OUP, 2009. URL consultato il 24 gennaio 2018.
  2. ^ Cavoli - Brassica oleracea L. - Atlante delle coltivazioni erbacee - Piante da tubero e orticole, su agraria.org. URL consultato il 19 agosto 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85024250 · GND (DE4147681-5 · J9U (ENHE987007285773205171