Castello di Vadstena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Vadstena
(Vadstena slott)
Vadstena.slottet.jpg
Ubicazione
Stato attualeSvezia Svezia
RegioneGötaland
CittàVadstena
Coordinate58°26′45.5″N 14°53′01″E / 58.445972°N 14.883611°E58.445972; 14.883611Coordinate: 58°26′45.5″N 14°53′01″E / 58.445972°N 14.883611°E58.445972; 14.883611
Informazioni generali
Tipofortezza/residenza reale
Stilerinascimentale
Costruzione1545-1620 ca.
CostruttoreArendt de Roy
Hans Flemming
....
Primo proprietariore Gustavo I Vasa
Condizione attualeAperto al pubblico
Informazioni militari
Note
Residenza reale fino al 1716
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Vadstena (in svedese: Vadstena slott) è un castello rinascimentale sul lago Vättern nella cittadina svedese di Vadstena (Östergötland, Svezia meridionale), costruito a partire dal 1545 su ordine del re Gustavo I[1][2][3] e completato intorno al 1620[2][3].

Fu residenza reale fino al 1716.[1][2][4] Attualmente ospita l'archivio della provincia (dal 1899).[1]

È il castello rinascimentale meglio conservato di tutta la Svezia.[5]

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello si trova nelle vicinanze del convento di Vadstena.[3]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il castello si erge sul lago Vättern e le sue mura di cinta misurano 30 metri in larghezza e 3 metri in altezza.[2]

L'edificio ospita, nel primo piano, un museo di oggetti antichi.[5] Nel secondo e nel terzo piano, si possono invece ammirare dei mobili del XVI e del XVII secolo.[5]

Molte stanze sono tuttavia chiuse al pubblico.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'ordine di costruire il castello fu dato da re Gustavo I Vasa nel 1544: il castello doveva servire come difesa per eventuali attacchi provenienti dalla Danimarca e dallo Småland e "sostituì", di fatto, quello preesistente del XIII secolo, trasformato in convento nel 1370 da Santa Brigida (1303 - 1373), alla quale il castello era stato donato nel 1346 da re Magnus Eriksson[1]. I lavori di costruzione, in particolar modo di tre edifici, iniziarono l'anno seguente.

Cinque anni dopo, Gustavo I Vasa decise di trasformare il castello in residenza reale per suo figlio più giovane, il duca Magnus[2], che vi sarebbe andato ad abitare dopo la morte del padre[1] Lo stesso Gustavo celebrò nel castello il suo terzo matrimonio nel 1552.[1]

Il castello venne quindi ampliato da Johan III[2][6], un altro figlio di Gustavo, con l'aiuto di Arendt de Roy, un architetto fortemente influenzato dallo stile di Andrea Palladio.[2]

Intorno al 1620, si poterono considerare conclusi i lavori di costruzione.

A partire dal 1716, il castello terminò la sua funzione di residenza reale.[1][2][4].

Nel XIX secolo, venne abbattuto il muro di cinta, rimpiazzato da un porticciolo.[1][6]

Nel frattempo l'edificio stava cadendo in degrado[1], finché, nel 1899, vi venne trasferito l'archivio provinciale.[1]

Nel 1997, ebbe luogo un'opera di restauro.[2]

Punti d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN146884205 · LCCN (ENno96048589 · WorldCat Identities (ENlccn-no96048589