Castello di Combourg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castello di Combourg
Combourg GC2.JPG
Il castello di Combourg
Ubicazione
Stato Francia Francia
Regione Bretagna Bretagna
Località Combourg
Indirizzo Rue des Princes, 23
Coordinate 48°24′28″N 1°45′14″W / 48.407778°N 1.753889°W48.407778; -1.753889Coordinate: 48°24′28″N 1°45′14″W / 48.407778°N 1.753889°W48.407778; -1.753889
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1016
Ricostruzione tra il XIV e il XV secolo
Stile tardo gotico

Il castello di Combourg (in francese: château de Combourg) è un celebre castello francese, eretto nell'XI secolo per volere del vescovo di Dol, su una collinetta vicino al Lac Tranquille, nella città bretone di Combourg (dipartimento dell'Ille-et-Vilaine, Bretagna nord-orientale) e ricostruito in stile tardo gotico tra il XIV e il XV secolo.[1]

Nel castello, che è appartenuto per un lungo tempo alla famiglia Chateaubriand (dal 1761), trascorse la sua infanzia e giovinezza il celebre scrittore François-René de Chateaubriand (17681848), periodo descritto dallo stesso autore nelle sue Memorie d'oltretomba (Mémoires d'outre-tombe; 18061848)[1][2], dove si parla dell'esistenza di fantasmi nell'edificio[3].

È classificato come monumento storico dal Ministero della Cultura francese.

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il castello si trova in Rue des Princes, 23.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il castello è fornito di quattro torri a forma di pepiere[1][4] ed è circondato da un parco all'inglese progettato nel XIX secolo dai fratelli Denis Bühler (18111890) ed Eugène Bühler (18221907).[1]

Negli interni, in gran parte restaurati nel 1875[1], si trovano la scrivania e la camera dello scrittore François-René de Chateaubriand.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello venne eretto nel 1016 su ordine di Junken, vescovo di Dol-de-Bretagne.[4][2]

Ricostruito nella forma attuale tra il XIII secolo e il XV secolo, appartenne inizialmente alla famiglia Du Guesclin.[4]

Nel 1761, il castello venne acquistato dal padre di François-René de Chateaubriand, un ricco armatore di Saint Malo.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f A.A.V.V., Bretagna, p. 69
  2. ^ a b Alex Patitz, Guida Marco Polo – Bretagna
  3. ^ chateau de combourg, combourg, maison hantee, chateau hante
  4. ^ a b c d Castelland

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A.A.V.V., Bretagna, Dorling Kindersley, London, 2003 – Mondadori, Milano, 2004
  • Alex Patitz, Guida Marco Polo – Bretagna, trad. italiana a cura di Cinzia Seccamani, Mairs Geographischer Verlag, Ostfildern – Hachette, Paris – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1999

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]