Castello di Buchlovice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Buchlovice
Buchlovice - zámok - panoramio - Jan Starec (2).jpg
Localizzazione
StatoRep. Ceca Rep. Ceca
RegioneZlín
LocalitàBuchlovice
Coordinate49°05′02″N 17°20′11″E / 49.08389°N 17.33639°E49.08389; 17.33639Coordinate: 49°05′02″N 17°20′11″E / 49.08389°N 17.33639°E49.08389; 17.33639
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1707 - 1738
StileBarocco
Realizzazione
ArchitettoDomenico Martinelli
CommittenteLeopold Berchtold

Il castello di Buchlovice (Zámek Buchlovice in ceco, Schloss Buchlau in tedesco), noto anche come castello di Buchlau dal suo toponimo in tedesco, è un castello barocco, situato nell'omonima località nella Moravia sud-orientale. È uno dei migliori esempi di villa barocca italiana edificata in Repubblica Ceca e anche in tutta l'Europa centrale[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una vista sul giardino del castello.

Le origini del castello risalgono al XVII secolo, quando il vicino castello di Buchlov divenne poco vivibile e confortevole per il signore locale, Jan Dětrích di Petřvald. Questi decise quindi di costruire una nuova residenza a poca distanza dalla fortezza medievale, all'interno dei possedimenti del casato, e affidò i lavori a Domenico Martinelli, che edificò una villa in stile barocco italiano[2].

Il complesso è costituito da due edifici. La dimora vera e propria (Dolní zámek, o "castello inferiore") e lo stabile di servizio (Horní zámek, o "castello superiore"), separate da un cortile in terra battuta e circondato da un giardino all'inglese di 18 ettari risalente alla prima metà del XIX secolo, ampliamento e trasformazione dell'originale giardino all'italiana ideato dal Martinelli. Le decorazioni interne del castello furono invece opera dello stuccatore Baldassarre Fontana, realizzate nel 1708[3].

Dopo l'estinzione del casato dei Petřvald il castello passò ai Berchtold che lo acquistarono nel 1763. Nel 1807 Leopold I Berchtold, all'epoca reputato come uno degli uomini più ricchi dell'impero austro-ungarico, vi fece allestire un ospedale e decorò le stalle con drappeggi. Nel 1908 Leopold Berchtold, pronipote del precedente e all'epoca ambasciatore austro-ungarico in Russia, vi ospitò un incontro tra il ministro degli esteri russo Izvol'skij e il suo omologo austro-ungarico von Aehrenthal, innescando la cosiddetta crisi bosniaca che portò all'annessione della Bosnia ed Erzegovina da parte dell'Austria-Ungheria ai danni dell'impero ottomano.

Nel corso degli anni la villa subì diverse modifiche fino all'aspetto attuale. L'ultimo restauro risale agli anni '20 del '900 ad opera di Dominik Feye. A partire dal 1945 il castello è aperto al pubblico.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Lessona, Castello di Buchlovice, fiaba morava, la Repubblica, 18 marzo 2011.
  2. ^ Tomaš Ehrenberger, The 88 Most Beautiful Castles, Praga, Kartografie Praha a.s., pp. 30, ISBN 80-7011-745-1.
  3. ^ AA.VV., Studi sui Fontana: Una dinastia di architetti ticinesi a Roma tra Manierismo e Barocco, Gangemi Editore, pp. 442, ISBN 978-88-492-6663-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN242316333 · WorldCat Identities (EN242316333