Castello Visconteo (Locarno)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello Visconteo
Locarno Castello Visconteo.JPG
Ubicazione
Stato attualeSvizzera Svizzera
CittàLocarno
Coordinate46°10′04.8″N 8°47′36.17″E / 46.168°N 8.79338°E46.168; 8.79338Coordinate: 46°10′04.8″N 8°47′36.17″E / 46.168°N 8.79338°E46.168; 8.79338
Informazioni generali
TipoCastello medievale
Inizio costruzioneXIII secolo
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castello Visconteo[1] è un castello eretto nella città di Locarno[2] nel canton Ticino in Svizzera.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello venne costruito nel XIII secolo dalla famiglia Visconti e, fino al 1513, anno in cui la famiglia Milanese lascia il controllo della regione comprendente il Lago Maggiore, l'edificio funse da alloggiamento per le guarnigioni oltre che da fortificazione di difesa. Nel corso dei secoli successivi subì numerose ristrutturazioni e venne anche distrutto più volte. Attualmente è sede del Museo civico e archeologico di Locarno, famoso per la vasta collezione di vetri romani.

La facciata sud-orientale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, 119-150.
  • Giorgio Simona, Note di Arte Antica del Canton Ticino, Tipografia Pietro Giugni, Locarno 1913, 42-44.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 379-380; Idem, I monumenti d'arte e di storia del Canton Ticino, Locarno e il suo circolo (Locarno, Solduno, Muralto e Orselina), volume I, Società di storia dell'arte in Svizzera, Birkhäuser Verlag, Basilea 1972, 24-61, 202.
  • Gottardo Wielich, Il Locarnese negli ultimi tre secoli del Medioevo. Dal Barbarossa al dominio svizzero, Casagrande, Bellinzona 1973.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 123-126.
  • Elfi Rüsch, Riccardo Carazzetti, Locarno. Il Castello visconteo e Casorella, Società di storia dell'arte in Svizzera, Bern, 2002.
  • AA.VV, Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 182-183.
  • Marino Viganò, Per i 500 anni del «rivellino». Indizi su Leonardo al castello di Locarno (1507), in Bollettino della Società storica locarnese, Nuova serie. n. 10, Tipografia Pedrazzini, Locarno 2007.
  • Teodoro Amadò, Il conteso certificato d'origine del rivellino locarnese, in Bollettino della Società storica locarnese, Nuova serie. n. 10, Tipografia Pedrazzini, Locarno 2007.
  • Marino Viganò, Leonardo a Locarno. Documenti per una attribuzione del «rivellino» del castello 1507, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2009.
  • Gianluigi Bellei, Il Rinascimento nelle terre ticinesi, in Azione 3 maggio 2010; Idem, Il rivellino di Locarno, in Azione, Anno LXXXIII, numero 48, 29 novembre 2010, 45.
  • Nicola Soldini, Confini e periferie: note a volo d'uccello, in Il Rinascimento nelle terre ticinesi. Da Bramantino a Bernardino Luini. Itinerari, Officina Libraria, Milano 2010.
  • Paolo Ostinelli, Scheda numero 10. Locarno. Castello, in Il Rinascimento nelle terre ticinesi. Da Bramantino a Bernardino Luini. Itinerari, Officina Libraria, Milano 2010.
  • Davide Mirabile, Scheda numero 24. Giovanni Antonio da Montonate, in Giovanni Agosti, Jacopo Stoppa, Marco Tanzi (a cura di), «Il Rinascimento nelle terre ticinesi. Da Bramantino a Bernardino Luini», Officina Libraria, Milano 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4643448-3